Compromesse in Calabria molte produzioni agricole

Il mondo rurale può passare da vittima ambientale a attore in prima linea per prevenire e mitigare il rischio idrogeologico

Produzioni agricole
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Nella notte tra il 4 e il 5 ottobre in gran parte della Calabria, in meno di 6 ore, sono caduti circa 300 mm di pioggia; sicuramente un evento eccezionale che ha causato morte e distruzione, tuttavia nel 2018 non è ammissibile che un’alluvione mandi in tilt un intero territorio.

“Si registra un bilancio è grave e preoccupante e, in questa situazione, l’agricoltura paga un dazio elevato.” – segnala l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Calabria – “Ingenti i danni alle produzioni agricole della fascia ionica crotonese, nel lametino e nel vibonese, in buona parte irreparabilmente compromesse. In particolare, i danni riguardano gli uliveti, già provati da una stagione produttiva difficile, gli agrumeti e le serre.

Nella zona vitivinicola del cirotano è stata compromessa la raccolta dell’uva e compromessa è pure la produzione di finocchi nei pressi di Isola di Capo Rizzuto.”

Il disastro che ha colpito la Calabria ha creato disagi e ingenti danni, ma soprattutto ha evidenziato forti carenze strutturali che, se affrontate in maniera più adeguata e consapevole, potevano probabilmente evitare tali catastrofiche conseguenze.

“La difesa del suolo è la vera emergenza regionale, perché la prima grande opera pubblica necessaria al Paese è la prevenzione e la mitigazione del rischio idrogeologico. Dobbiamo abituarci a convivere con lunghi periodi di siccità e con improvvise, copiose e devastanti precipitazioni. Dobbiamo recuperare la logica della prevenzione, della manutenzione, della cura dell’esistente e del presidio delle campagne.” – continua la nota dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali – “Il mondo rurale svolge un ruolo di primo ordine, soprattutto nella fase di prevenzione. Bisogna intervenire ripristinando e potenziando la rete idrografica presente e accompagnare l’agricoltore, con il supporto del mondo tecnico-scientifico e politico nel riappropriarsi delle aree marginali.”

“Quanto successo in Calabria purtroppo è l’ultimo di tanti eventi che stanno interessando da anni la nostra nazione: ora è il momento di piangere le vittime. Poi occorre impegnarsi affinché queste tragedie non si ripetano, attraverso politiche e governance che parlino di prevenzione e non più di somma urgenza” – chiude il Presidente CONAF Sabrina Diamanti.

Roma, 6 ottobre 2018
Ufficio Comunicazione Conaf

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta