COMITATO “CARIATI PER BERSANI” COMUNICATO STAMPA

Noi del Comitato “Cariati Per Bersani” vogliamo esprimere piena soddisfazione per il risultato raggiunto da Pier Luigi Bersani, tanto a livello nazionale quanto regionale e locale, in occasione del turno di ballottaggio delle elezioni Primarie di centrosinistra. Prima di ogni considerazione vorremmo ringraziare indistintamente tutti i volontari dell”apparato” che fin dalla fase di pre-registrazione con il loro impegno hanno reso possibile queste grandi giornate di democrazia. Un grazie ai partiti della coalizione, in particolare al “nostro” Partito Democratico, per non aver perso l’occasione di dimostrare quanto fondamentale sia il ruolo dell’”organizzazione” nell’ambito della vita democratica di un Paese, anche e soprattutto quando si tratta di garantire la partecipazione di ciascun cittadino. Viste le percentuali “bulgare” a favore del Segretario nazionale PD riteniamo sia palese la volontà dell’elettorato di centrosinistra di credere alla proposta di un governo politico credibile, serio e competente con al centro particolarmente i valori del lavoro e dell’equità tanto cari a noi democratici e progressisti. A nostro modesto avviso col voto a Bersani si è chiaramente affermata la repulsione verso ogni forma di populismo e di politica demagogica, e quasi il bisogno di verità e concretezza, a partire dalle proposte. Quanto al dato locale, il risultato conforme al trend nazionale dimostra ancora una volta, dopo domenica scorsa, quanto radicata sia la cultura ispirata ai valori del centrosinistra nel nostro Comune. Sia il Partito Democratico, che il Partito Socialista e Sinistra Ecologia e Libertà, quali partiti della coalizione, hanno dimostrato anche numericamente la validità delle rispettive proposte. Certo non possiamo nascondere il (pur minimo) rammarico per quella parte che, per l’ennesima volta, ha “perso l’occasione” dimostrando evidenti limiti col non cogliere l’importanza politica di tale voto, preferendo piuttosto un atteggiamento da eterno “bastian contrario”. Parliamo ad ogni modo di una minoranza, la quale rispettiamo sicuramente, ma che tale resta nell’ambito del campo progressista e riformista che, siamo certi, darà al Paese un governo all’altezza delle sfide da affrontare e saprà porre le basi per un rinnovamento autentico e non figlio di personalismi o gruppi di interesse rispondenti esclusivamente a se stessi.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta