Il laboratorio civico, parte con le iniziative: Domenica 30 marzo GIORNATA ECOLOGICA, in vari quartieri del paese

Il laboratorio civico di Cariati continua la sua operazione e si fa strada nell’impervio mestiere del “fare”. Sabato pomeriggio alle 18,00 presso l’Ostello delle Suore a Cariati superiore, si è svolta la riunione convocata da Aldo Fortino, promotore e coordinatore del laboratorio, il quale ribadisce che l’attività propria di un laboratorio è incontrarsi per sviluppare e applicare idee e teorie. Ed anche questa volta il riscontro è stato decisamente positivo, gli intervenuti sono stati numerosi. I partecipanti sono stati informati circa gli sviluppi sul fronte aperto con l’Amministrazione Comunale, fra le cui carenze, ad oggi, c’è stata probabilmente l’insufficiente corretta comunicazione e che il laboratorio civico sta monitorando attentamente rispetto alle soluzioni che si è impegnata ad apportare. La serata è stata animata da un intenso dibattito che ha dato voce alle svariate difficoltà e problematiche da affrontare e che ha focalizzato l’attenzione sul principio secondo il quale da cittadini abbiamo diritti, ma anche doveri. Sulla scorta di questo concetto, è stata ampiamente accolta la proposta di promuovere per domenica 30 marzo 2014 una GIORNATA ECOLOGICA, in ogni quartiere del paese. Ciascuno dei presenti si è impegnato a coinvolgere gli abitanti del proprio quartiere ed organizzarsi con il coordinatore per le attrezzature necessarie. La giornata vuole essere un momento dimostrativo, un punto di partenza per condividere con tutto il paese la necessità di provare a cambiare il punto di vista. Il proprio quartiere è bene pubblico e della collettività: diritto del cittadino che il Comune trovi le risorse per pulirlo; dovere del cittadino evitare di sporcarlo. Il convincimento è che i cariatesi, se interpellati, sanno e vogliono partecipare alla vita della loro comunità. Già da domenica ci si attiverà per organizzare la Giornata nei dettagli al fine di ottenere la più larga partecipazione.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta