I dipendenti dell’aereoporto di Crotone bloccano i voli: Avanzano gli stipendi dal mese di luglio.

Siamo arrivati al giorno che tutti si aspettavano. L’aeroporto Sant’Anna di Crotone non è, di fatto, più utilizzabile per nessun tipo di volo, compresi quelli umanitari e neppure dietro precettazione della Prefettura, almeno per quanto riguarda i dipendenti che si occupano dei servizi aeroportuali. I 28 dipendenti della società di gestione dello scalo crotonese hanno comunicato che non garantiscono più i servizi di sbarco, imbarco e assistenza a terra agli aeromobili. Una decisione che è stata comunicata con una lettera al direttore dello scalo, alla Prefettura ed all’Enac. Il personale avanza il pagamento degli stipendi mensili di luglio, agosto, settembre e della quattordicesima. La vicenda é molto preoccupante, soprattutto in considerazione dell’assenza di garanzie certe per il prosieguo delle attività. Una situazione che di fatto blocca in modo assoluto l’utilizzo dello scalo aeroportuale, in quanto senza l’attività dei dipendenti responsabili dei servizi in questione non è possibile consentire alcun atterraggio e alcun decollo.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta