Legambiente Nicá: il Sindaco di Scala Coeli vuole screditare l’operato del Circolo.

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

In data 23 luglio 2019 il nostro circolo Legambiente Nicá con una nota a firma del Presidente segnalava a chi di competenza (- Regione Calabria Dipartimento 2 Presidenza – Consorzio Bonifica Jonio Cosentino – On. Domenico Bevacqua -), dopo opportune verifiche, la mancata pulizia dei viali e delle fasce tagliafuoco nella pineta di Terravecchia e di Scala Coeli. In data 30 luglio riceviamo una nota del Dipartimento 2 Presidenza che ci comunica di aver trasmesso la nostra segnalazione agli enti preposti per il proseguo di competenza.

In una nota del Sindaco di Scala Coeli in seguito ad un rogo sviluppatosi nell’area attrezzata in località Casello Montagna di Scala Coeli, leggiamo una serie di cose, che come in altre occasioni hanno come finalità quella di screditare l’operato del Circolo Legambiente Nicá di Scala Coeli. Siamo difronte alle solite affermazione sciocche e prive del minimo fondamento, che non ci distolgono dai nostri impegni associativi che stiamo portando avanti, con consapevolezza, serietà rispetto. Non abbiamo né il tempo tanto meno la voglia di stare dietro a infondate affermazioni, il circolo opera per la difesa la valorizzazione e la tutela del nostro territorio partecipando anche alle altre battaglie, campagne ed attività della Legambiente rispettando alla lettera lo statuto. Le leggi e le regole le conosciamo bene ed operiamo nel più totale rispetto delle amministrazioni e delle istituzioni. Ci duole molto continuare a leggere sempre le stesse cose, abbiamo molto lavoro associativo da fare e poco tempo da perdere. Abbiamo a cuore il nostro territorio e la nostra terra continueremo a proteggerla ed a tutelarla. Vogliamo infine ricordare che il Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini dello Jonio Cosentino è un ente tuttora attivo – istituito con D.P.G.R. n.26 il 12/02/2010 – ed ha sede a Trebisacce mentre l’Azienda Calabria Verde nasce con la legge regionale n. 25 del 16 maggio 2013, come ente strumentale della Regione per assolvere in modo unitario a tutti gli interventi sul territorio nel campo della forestazione e della difesa del suolo, assolto sino ad allora dall’Azienda Forestale della Regione Calabria (ex A.Fo.R.) e delle Comunità Montane soppresse e poste in liquidazione ed ha la sede centrale a Catanzaro.

Scala Coeli 26 agosto 2019
Il Circolo Legambiente Nicà

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta