RIFIUTI, PENALIZZATI PICCOLI COMUNI A BUCITA,1 TONNELLATA AL GIORNO. ROSSANO 50!!SINDACI CHIEDONO INCONTRO URGENTE AL COMMISSARIO

RIFIUTI, PENALIZZATI PICCOLI COMUNI A BUCITA,1 TONNELLATA AL GIORNO. ROSSANO 50!! SINDACI CHIEDONO INCONTRO URGENTE AL COMMISSARIO PIETRAPAOLA (Cs), Venerdì 25 Marzo 2011 – Conferimento dei rifiuti nella discarica di Bucita (Rossano), vengono penalizzati solo i piccoli comuni. È quanto denunciano i sindaci del basso jonio cosentino che nella giornata di ieri hanno trasmesso un telegramma al Commissario per l’emergenza Ambientale. Richiedono un incontro urgente. Rossano – lamentano – può scaricare 50 tonnellate di rifiuti al giorno. I piccoli centri, come Pietrapaola, Calopezzati, Campana, Cariati, Mandatoriccio, Scala Coeli e Terravecchia, soltanto una tonnellata!. E’ emergenza. Si segnala – scrive il Sindaco di Pietrapaola Giandomenico VENTURA, a nome dei colleghi – il persistente stato di emergenza legato al conferimento dei rifiuti nella discarica di Bucita, a Rossano. Aumenta il disagio della popolazione e la tensione sociale per la grave situazione igienico sanitaria. I sindaci chiedono un incontro urgente per una verifica dello stato dell’arte dell’impianto di Rossano e un confronto sulle future prospettive della discarica di Scala Coeli”. Il telegramma va ad aggiungersi ad una prima missiva, di qualche giorno precedente, che i sindaci avevano indirizzato al Commissario, al Dipartimento Ambiente della Regione Calabria, al Presidente della Provincia di Cosenza Mario OLIVERIO e alla VEOLIA Spa. Anche in quella occasione, i primi cittadini avevano manifestato il proprio disappunto ed il disagio vissuto dalle popolazioni amministrate per il disservizio. “La bella stagione è alle porte – scrivevano – e la temperatura delle prossime settimane non consentiranno di poter contenere oltre il nocumento ambientale e sociale che ormai da più tempo i nostri territori stanno vivendo”. I sindaci richiedono, pertanto, l’attivazione di un tavolo tecnico istituzionale affinchè si esamini la questione e si ponga soluzione al problema evidenziato.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta