EUROPEI 2020/21: C’E’ UN ITALIANO IN UNGHERIA, UNA GERMANIA MAI DOMA E UNA SPAGNA CHE RISCHIA.

Ungheria – Francia = 1-1 (47° pt Fiola, 21° st Griezmann)

– Si chiama Rossi, come Pablito, quindi è italiano per forza. Il suo nome è Marco ed è il tecnico dell’ Ungheria, che ier ha firmato un’ impresa quasi unica: fermare i campioni del mondo in carica. La squadra zeppa di fenomeni: da   Mbappé  a Griezmann passando per Benzema. Al di là dle risultato finale, vittoria per 3-0 dei portoghesi, l’Ungheria aveva dimostrato di essere una squadra ostica fin dalla prima partita, infatti ieri si è visto contro i I transalpini.  nella ripresa agguantano il pari con Griezmann, ma poi non riescono più a sfondare, merito anche di una grande prestazione difensiva dell’Ungheria. La Francia nel girone F sale a 4 punti, mentre gli ungheresi salgono a quota 1 e tengono viva la possibilità di qualificarsi nell’ultima gara contro la Germania. E’ in piena zona Cesarini, siamo al 47° del primo tempo, che la Puskas Arena esplode grazie a un gol di Fiola. I francesi  tornano in campo nella ripresa col piglio giusto alla ricerca del pareggio, ci riusciranno. Deschamps fa entrare Dembele al posto di un deludente Rabiot. La mossa ha subito effetto, perché il giocatore colpisce il palo con un gran tiro. Poco dopo arriva il pari, siamo al 66° minuto, grazie ad un  tap-in di Griezmann. Tuttavia gli uomi di Rossi reggono e conquistano così il loro primo punto ai danni del campioni del mondo.

Portogallo – Germania = 2 – 4 ( 15°pt Ronaldo, 35°pt autogol Ruben Dias, 39° Atogol Guerreiro, 6°st Havertz, 15°st Gosens, 22°st Diogo Jota).

– Siamo alle solite: la Germania doveva vincere e ha vinto. Poco importa se c’era CR7, che ha portato in vantaggio i lusitani, l’incontro  si chiuderà con una goleada per i tedeschi, che dovevano vincere per forza dopo la sconfitta con la Francia all’ esordio.

Parte benino la Germania e spinge per un bel po’, ma a sorpresa sono i portoghesi, grazie a una ripartenza, a portarsi in vantaggio appunto con Cristiano Ronaldo. Dopo, però, è solo Germania, che tra il 1° e il 2° tempo, complici anche due sfortunati autogol dei portoghesi, si portano addirittura sul 4-1. Ora i tedeschi hanno una partita abbastanza agevole, almeno sulla carta, basti chiedere ai Blues, con l’ Ungheria di Marco Rossi, mentre Portogallo – Francia diventerà quasi uno spareggio.

Spagna – Polonia = 1-1 (25° pt Morata, 9° st Lewandowski)

– A Siviglia va in onda quasi uno psicodramma: una delle squadre favorite, la Spagna, almeno sulla carta ma in realtà la squadra di Luis Enrique in una di quelle fasi di transizione tra un ciclo che è finito e un altro che sta per cominciare, rischia l’eliminazione al 1° girone. Proprio così, 2 punti in 2 partite, ieri contro la Polonia, all’ esordio con la Svezia. Morata la sblocca, ma poi è anche tanta Polonia, dapprima un palo con Swiderski e poi il pari grazie a un bel gol di testa del suo uomo simbolo: Robert Lewandowski. Il bomber del Bayern Monaco ha mostra la specialità della casa; una girata di testa che ha lasciato quasi immobile il portiere spagnolo. Infine il rigore della Spagna, concesso dall’ italiano Irrati, subito dopo il pareggio dei polacchi, ma calciato sul palo alla destra di Szczesny da Gerard Moreno. Finisce quindi 1-1. E ora le “furie” rosse rischiano sul serio.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta