Maturità 2022: Forza ragazzi

Quest’anno i ragazzi maturandi si accingono alle prove, dopo anni difficili per la pandemia

La tappa scolastica dell’esame di maturità è di sicuro un appuntamento che segna la carriera di studio e la vita di tante persone. I ricordi restano indelebili e ritornano in mente sempre nel corso della propria esistenza, ogni qualvolta che il tema si ripropone in qualche confronto. 

Quest’anno i ragazzi maturandi si accingono alle prove, dopo anni difficili per la pandemia che gli ha sottratto una parte della loro adolescenza. I rimpianti per il triennio di scuola perduto, scippato dalla pandemia sono tanti, ma occorre guardare avanti, riprendendosi parte di ciò che è venuto a mancare.


I 539 mila candidati per i quali nei giorni scorsi è suonata in aula l’ultimissima campanella, arrivano all’esame, pensando purtroppo al mondo di relazioni interrotte.

Cioè agli sguardi nei corridoi, di risate a viso aperto tra i banchi, complicità, amicizie e nuovi amori improvvisati agli intervalli e in gita, scoperte, inciampi e vertiginose cadute. 

C’è poco da fare i ragazzi e ragazze hanno perso moltissimo e solo quest’anno, o meglio negli ultimi mesi, hanno iniziato ad apprezzare le piccole cose come interagire tra di loro e condividere il piacere di una gita fuori porta. La generazione 2022 è quella che ha attraversato per intero tutta la pandemia: il primo lockdown, quando erano al terzo anno, con un quadrimestre intero a studiare da casa dietro a uno schermo.

E poi ancora Dad, sebbene a singhiozzo, l’anno successivo e le quarantene per il virus, che ha colpito molti di loro tra lo scorso dicembre e febbraio della quinta superiore. 

Si ritrovano a sostenere un esame che intende segnare il ritorno alla normalità (o quasi) con il ripristino dei due scritti. La maturità torna quindi intera, e senza obbligo di mascherina. Ripopola in questi ultimi giorni pre esame i sogni – talvolta un po’ angosciati – degli studenti, e riattiva l’attesa dell’intramontabile rito. 

Che dire. Forza ragazzi e ragazze, sicuramente sarete all’altezza così come il corpo docente vi sosterrà nel corso delle prove, non facendo moncare umanità e sensibilità per quanto avete dovuto superare. 

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta