gli Amici del cuore

CARIATI – “Alimentazione è…e salute: rischi e complicanze dall’eccesso di cibo”. È il tema che sarà dibattuto questa sera, alle 18, presso il Centro sociale, a cura dell’Associazione “Amici del cuore”, il novello sodalizio locale che promuove la prevenzione dai rischi cardiovascolari coinvolgendo l’opinione pubblica sui grandi temi della salute e la qualità della vita. All’associazione, sorta nel febbraio scorso, hanno già aderito più di 50 soci di Cariati e del territorio. La presidente Diamantina Ricciardelli è affiancata da un comitato scientifico, presieduto dal Nicola Cosentino, responsabile del servizio di cardiologia dell’ospedale cariatese, e tra gli obiettivi previsti dallo statuto, rivolti ai settori dell’assistenza sociale e socio – sanitaria, vengono maggiormente curati, attraverso stampa, pubblicazioni, conferenze, dibattiti e controlli sanitari, la promozione della prevenzione cardiovascolare e la tutela preventiva della salute di tutti i cittadini. La prima iniziativa pubblica di questa sera si avvarrà del supporto della nutrizionista Annalisa Gambalonga, docente all’Università di Padova, che risponderà a tutte le domande sull’argomento. “La tematica – spiega una nota stampa – dovrà interessare soprattutto i bambini e i giovani, oggi a maggior rischio obesità, per cui ci adopereremo per diffondere soprattutto nelle scuole la cultura del mangiare bene e mangiare sano, per vivere meglio e più a lungo, senza problemi per la salute”. Intanto l’Associazione ha incontrato il sindaco di Cariati, Filippo Giovanni Sero, per valutare la possibilità della creazione di un percorso della salute per i podisti nell’area del rimboschimento che costeggia il litorale e di una pista ciclabile per tutti coloro che amano andare in bicicletta, in una strada riservata del paese, al riparo dagli inconvenienti del traffico, il tutto prima della prossima stagione estiva. Intanto, in attesa di un prossimo incontro previsto per il mese prossimo, si sta preparando il logo dell’associazione e si sta esaminando la possibilità di aprire un sito informatico, al servizio dei soci e della cittadinanza.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta