Beppe ha tanto amato Cariati che ne ha fatto la sua seconda patria

SABATO 31 Marzo, ore 12.00 la “Casa della Musica” di Genova verrà dedicata a BEPPE QUIRICI (Via M. Boccanegra, 15 – Tel. 010.4213090) Sabato 31 Marzo, l’Amministrazione cittadina, la società “Porto Antico Spa” e la Coop. Sociale Onlus “La Casa della Musica”, dedicheranno il centro musicale “Casa della Musica” a BEPPE QUIRICI, a tre anni esatti dalla scomparsa, avvenuta il 31 marzo del 2009. L’iniziativa promossa qualche mese fa da Ivano Fossati, con cui BEPPE QUIRICI ha collaborato a lungo nel ruolo di produttore artistico e musicista, è stata sottoscritta da molti nomi della musica italiana (tra cui Laura Pausini, Fiorella Mannoia, Tiziano Ferro, Giorgia, gli Avion Travel, Jovanotti, Vittorio de Scalzi, Piero Cassano, Gino Paoli, Gianna Nannini, Mauro Pagani, Ornella Vanoni, Cristiano De Andrè, Roberto Vecchioni, Samuele Bersani) e non solo. Alle 12 le istituzioni locali intitoleranno a QUIRICI questo importante spazio culturale, sottolineando il senso comune che fa di questa istituzione, gestita da musicisti, un punto di riferimento per la formazione di artisti di tutte le età, non solo genovesi. L’apposizione simbolica di una targa, i discorsi del Sindaco, di Fossati, del Presidente della Coop. Sociale Onlus “La Casa della Musica” Andrea Masotti, con i saluti di Gianna Pattavina Quirici, Presidente dell’”Associazione Beppe Quirici”, faranno da cornice alla breve proiezione di alcuni filmati dedicati al musicista, al suo profilo umano e alla sua carriera. Saranno presenti Vittorio de Scalzi, Dori Ghezzi e alcuni dei collaboratori con cui Quirici ha lavorato per anni. La famiglia e tutto lo staff dell’Associazione Beppe Quirici, ringraziano tutti coloro che, aderendo all’iniziativa, onorano la memoria e il lavoro artistico di BEPPE QUIRICI, rinforzando il legame tra l’arte della canzone e la vocazione culturale della città; auspicio di ulteriori iniziative che l’Associazione intende promuovere prossimamente, con il sostegno delle istituzioni culturali.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta