ADAMO ed EVA originano da Cerchiara di Calabria!

ADAMO ed EVA originano da Cerchiara di Calabria! Non si tratta di uno scoop antropologico-teologico………… semplicemente di un importante notizia che ci giunge ad opera di Tommaso Porto Bonacci dell’IPAA di Soveria Mannelli (CZ) che in collaborazione con l’ARSSA di Decollatura (CZ), enti che nell’ambito di un Progetto sulla Biodiversità, mirato al recupero di specie autoctone sia vegetali che animali, hanno dato origine a questo importante esperimento di tutela e riscoperta zootecnica. Tra questi rientra il recupero della gallina “Riccia selvatica di Cerchiara di Calabria”, scoperta che si deve alla certosina e valente ricerca di Marcello Bruno e Fabio Petrillo, eccellenti divulgatori dell’ARSSA di Cosenza ed ora allevata presso il Parco AVICOLO dell’Azienda dell’IPAA di SOVERIA MANNELLI. E giustamente Bruno e Petrillo si sono ascritti la primogenia del battesimo dei primi esemplari registrate quale Adamo&Eva. Le galline riccie di Cerchiara, saranno attenzionate anche dagli studiosi del settore dell’Università di Reggio Calabria che si recheranno presso il parco avicolo dell’IPAA di Soveria Mannelli. La notizia ha destato e suscitato grande interesse e l’Amministrazione Comunale di Cerchiara sempre attenta alle “Biodiversità” ed alla tutela delle peculiarità di “Cerchiara” seguirà attentamente lo sviluppo di questa importante “riscoperta” zootecnica ed avvierà i passi necessari per interrelazionarsi con i cultori di tale importante atto scientifico. Nell’immediato il Sindaco ha incaricato l’Assessore all’Agricoltura Geom.Giuseppe Armentano ad avviare i necessari contatti e perorare tutte le iniziative di tutela e preservazione delle famose “galline di Cerchiara di Calabria” che visto la rarità dovranno ,ope legis, in primis incrementarsi!. Allo scopo non vi è dubbio che seguirà un meeting scientifico dedicato agli speciali pennuti.Il Sindaco coglie l’occasione per ringraziare il cittadino sig. Liguori Vincenzo, operatore ARSSA di Sibari, per l’eccezionale ed esclusiva segnalazione. Una domanda sorge spontanea sarà che nel futuro il raro pennuto rappresenterà i Cerchiaresi come il gallo rappresenta i Francesi? Ai posteri l’ardua sentenza!

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta