Violenza sulle donne. Tavola rotonda organizzata da “Cariati una scelta d’amore”

Una serata che ha il sapore di un messaggio sociale forte quella che l’Associazione Cariati una scelta d’amore ha voluto dedicare alla violenza sulle donne. Giovedì 18 agosto alle ore 20 sul lungomare di Cariati, villetta lavoratori del mare, all’incirca duecento persone in prevalenza donne e bambini hanno indossato le magliette rosa della manifestazione e sono partiti per correre una maratona di sensibilizzazione. Alla testa della corsa e al taglio del nastro una splendida Matilde Brandi madrina della serata.

Un bel colpo d’occhio, una macchia rosa che il tragitto del lungomare cariatese fino al porto per fare ritorno alla Villetta lavoratori del Mare dove si sono svolte le premiazioni dei primi classificati in ogni categorie: Donne, bambini e uomini.

 A premiazione conclusa l’Avvocato Rita Cosenza, Presidente onorario dell’Associazione, ha spiegato le ragioni che hanno spinto ad organizzare questa prima edizione di Let’s Run 2016. Poi una tavola rotonda condotta dalla giornalista scrittrice Dr.ssa Gabriella Serravalle alla quale hanno partecipato il primo cittadino il Sindaco Avv. Filomena Greco, la madrina della corsa la ballerina Matilde Brandi, il Magistrato penale Dr.ssa Enrichetta Venneri,  la Sociologa Dr.ssa Carmela Sciarrotta, l’Avv. Maria Cosenza consigliera delegata e capogruppo di maggioranza, l’Avv. Rita Cosenza e Rosalba Serravalle Vicepresidente dell’Associazione Cariati una scelta d’Amore.

Violenza sulle donne tavola rotonda2 18-8-2016Una tavola rotonda con scopo divulgativo che ha voluto far riflettere sul fenomeno violenza sulle donne a tutto tondo. Si è parlato di numeri per far capire quanto la ferita sia aperta sia a livello nazionale che a livello locale ma anche di leggi e denunce con il Magistrato Enrichetta Venneri che ha spiegato quanto le leggi si siano adeguate alle esigenze femminili per tutelare le donne e spingerle alla denuncia.

Vicepresidente Associazione Cariati una Scelta d’Amore

Rosalba Serravalle

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta