SITE VISIT CALABRIA FARÀ TAPPA A CARIATINEL PROGETTO IL MANAGEMENT DE I TURISMIT.COSENTINO: DESTAGIONALIZZARE I FLUSSI

SITE VISIT CALABRIA FARÀ TAPPA A CARIATI NEL PROGETTO IL MANAGEMENT DE I TURISMI T.COSENTINO: DESTAGIONALIZZARE I FLUSSI CARIATI (Cs), Giovedì 6 Ottobre 2011 – Il turismo non esiste. Non è una grandezza a se stante o misurabile in una sola direzione e con una sola unità di misura. Esistono, invece, i turismi, al plurale. Tanti quanti sono i target di ospite nella società globalizzata. E l’emozione, la capacità di emozionare l’ospite e di far vivere allo stesso un’esperienza, più che un viaggio o una semplice visita ad un monumento, è diventata la sfida vera alla quale tanti territori, come CARIATI, possono e devono concorrere. Tre sono le condizioni: offrire e proporre identità, dimostrare capacità di distinguersi, destagionalizzare i flussi. Perché l’attrattore turistico, da solo, non basta. E’ in questo ribadito quadro di finalità e di metodi, largamente condivisi dall’Esecutivo SERO, impegnato da anni sulla diversificazione dell’offerta e sulla destagionalizzazione della proposta turistica, che si muoverà, nei prossimi giorni, la speciale tappa a Cariati della SITE VISIT CALABRIA, organizzata nell’ambito del complessivo progetto nazionale denominato Il Management de “I TURISMI”, promosso dal portale ITURISMI.IT e Fondirigenti, con il patrocinio dell’UNESCO – Commissione Nazionale Italiana, Confindustria e Federmanager. – Trait d’union della nuova vetrina turistica cariatese è Alfonso COSENTINO, presidente della sezione turismo di Confindustria Cosenza. L’evento farà tappa nella Città della Tarantella, con il suo gruppo di esperti, MERCOLEDÌ 12 E GIOVEDÌ 13 OTTOBRE. La visita in programma nella cittadella medioevale di Cariati – dichiara Teresa COSENTINO, membro dei giovani industriali cosentini e del management de “IL VASCELLERO” – si articolerà su due diversi livelli. Il primo, finalizzato alla conoscenza del centro storico e all’analisi delle potenzialità e delle criticità del contesto territoriale. Il secondo, alla scoperta dell’identità e delle tradizioni del posto, attraverso, tra le altre, la visita al cantiere navale del Maestro d’Ascia Antonio MONTESANTO, nell’area portuale e del laboratorio artigiano del maestro vucalaro, Giuseppe DE DOMINICIS. E’ prevista anche una cena identitaria, ospitata presso il villaggio “Il VASCELLERO”, con la degustazione di pietanze tipiche, accompagnate dalle musiche del cantautore Cataldo PERRI al quale è affidata la ricostruzione, tra storia e leggende, dell’identità cariatese chiamata ad emozionare l’ospite. Dalla scelta dei piatti alla storia, dalla memoria dei luoghi da raccontare anche attraverso la musica alle emergenze architettoniche da disvelare in contesti coerenti, l’obiettivo – aggiunge – è quello di rendere distintivo ed esclusivo, quindi concorrenziale in termini di emozioni offerte, il complessivo pacchetto turistico-identitario-emozionale. La tappa-sopralluogo a Cariati, per valutare l’inserimento anche della nostra cittadina nelle destinazioni turistiche calabresi di interesse – concluse la COSENTINO – è curata nei minimi dettagli, per far sì che gli elementi attrattivi presenti in loco, possano trasformarsi ed esser vissuti in chiave esperienziale e, soprattutto, destagionalizzata ed interregionale. Non bastano, infatti, gli attrattori in se considerati, per creare esperienze. L’obiettivo, condiviso nella sezione turismo di Confindustria Cosenza è, anche attraverso questa iniziativa, quello di far sperimentare in modo diretto prodotti e siti, possibilmente in un’atmosfera coerente in termini di ospitalità e itinerario.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta