Se non ci si può più fidare nemmeno di “The Times”

Ricordo una sera a Varazze
che venivo giù da Savona…
Non era Varazze;
e non era nemmeno Savona.
E non era nemmeno quella volta lì.

Forse qualcuno dei miei ventiquattro lettori ricorderà questa divertente strofetta che Monica Vitti recitava, su un ritmo di valzer lento, in chiusura del delizioso nonsense che cominciava con “Io non capisco la gente che non ci piacciono i crauti” (ecco il link, per chi volesse rivederlo su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=OR6vZC0VJhA) .

La strofetta mi è venuta in mente dopo aver scoperto che il caso della bambina cristiana affidata a Londra a una famiglia di integralisti musulmani di cui ho parlato nel mio ultimo articolo su Cariatinet, ovviamente stigmatizzando la stupidità di chi aveva preso quella decisione, beh, quella notizia era fasulla.

Invoco, miei indulgenti lettori, la vostra clemenza. La notizia non veniva da “Libero”, né da “Il Giornale”; e nemmeno da “Tze-Tze”, e neppure da “La Padania”: veniva dritta dritta dal prestigioso The Times di Londra, e ci sono cascato in pieno. Mi consola – parzialmente – il fatto che non sono stato il solo, visto che con me l’hanno bevuta in pratica tutti i quotidiani italiani, e non solo italiani, con tutto il bicchiere.

Dunque faccio ammenda e chiedo scusa a Cariatinet, ai miei amabilissimi lettori e a me stesso: a posteriori, mi dico che la cosa era troppo clamorosa per essere vera.

Però una lezione possiamo trarla da questa disavventura giornalistica di dimensioni mondiali: mai, mai, mai e poi mai dobbiamo prendere per buone notizie troppo clamorose per essere vere; dobbiamo sempre coltivare il nostro bravo dubbio. La bufala è sempre lì, pronta a prenderci a cornate nel sedere e a rincitrullirci, perché ci sono notizie alle quali, confessiamolo, in fondo crederci ci piace parecchio.

Dunque lo dico a me stesso prima che a voi, miei carissimi ventiquattro lettori: in futuro prudenza, prudenza, prudenza e poi ancora prudenza. E concludiamo parafrasando la grande Monica:

Io mi ricordo una bambina cristiana
che avevano affidato a integralisti musulmani…
Non era cristiana;
non erano integralisti.
E non era nemmeno quella bambina lì.

Giuseppe Riccardo Festa

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta