L’eredità triste del Natale

L'aria natalizia portava Guido, come per molti, inevitabilmente con i pensieri a quando era piccolo

Natale

L’aria natalizia portava Guido, come per molti, inevitabilmente con i pensieri a quando era piccolo. Momenti passati in cui scavava alla ricerca di ricordi. Un fissa che gli tornava abitualmente tutti gli anni.

Se c’era una cosa di cui Guido era sicuro era che il suo Babbo Natale aveva avuto vita brevissima. Forse non era mai esistito. Una figura quasi mitologica.

Insomma, non conservava immagini nella sua mente. Non aveva memoria e coscienza delle sue stagioni natalizie.

La sua infanzia, costellata dall’impossibile, segnava in modo netto, che forse non ci fosse mai stato tempo abbastanza per rispettare le antiche abitudini, che la vita piacevolmente detta per i più piccoli.

Un gran vuoto circondava i suoi Natali. Un misto tra smarrimento e meraviglia che solo a tratti faceva emergere pochi ricordi. Al contrario, non ne conservava di cattivi.

É come se non ci fossero mai stati. Guido non aveva mai avuto il timore di dover gestire la delusione. E di questo ne era fiero. Se ne vantava.

Perché? Come faceva a nutrire quel sentimento?

A lui i Natali non gli erano mancati. In effetti, non ne aveva vissuto i drammi. Non sentiva invidia per i suoi coetanei che scrivevano lunghe liste di desideri materiali.

Un’ancora di salvezza che non aveva eguali. Che lo proiettava libero da ogni retro pensiero.

Gli sembrava anche innaturale sottolinearlo, ma ciò gli aveva portato in cambio un bel regalo.

Forse stava proprio nell’iperbole dei mancati Natali: il segreto di guardare il mondo con occhi diversi. Più acerbi e lontano dallo sfrenato consumismo. Variabili impazziate di una società inafferrabile.

Così poté registrare tante altre sensazioni. Sviluppando un senso e spirito diverso. Sarebbe tutto meraviglioso se, però, non vivessimo in un mondo malato e ricco di poco altruismo.

Tradotto. Il mondo di Guido era più piccolo e più felice! Una sorta di inno alla vita semplice.

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta