La protesta dei lavoratori precari calabresi, si è spostata sulle corsie dell’autostrada.

I precari calabresi sono nuovamente sul piede di guerra. L’Anas ha comunicato che è stato chiuso provvisoriamente al traffico lo svincolo di Cosenza nord-Rende sia in ingresso che in uscita dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria. Sul posto è già intervenuto il personale dell’Anas che in collaborazione con la Polizia Stradale sta lavorando per gestire la viabilità. La protesta si è poi spostata sulle corsie dell’autostrada, tanto da istituire l’uscita obbligatoria a Tarsia Nord per i veicoli diretti a sud, con rientro a Falerna attraverso le statali 283 e 18. Per chi è diretto a nord il percorso è quello inverso. I disagi sono notevoli per gli automobilisti. Purtroppo non è l’unica protesta inscenata dai precari. Infatti, a Reggio Calabria è scattato il blocco sui binari della stazione ferroviaria. E numerose altre manifestazioni di protesta sono in corso nei comuni e negli enti pubblici nei quali i circa cinquemila tra precari, Lsu, Lpu sono impiegati. Dietro allo sciopero ci sono ritardi nei pagamenti delle spettanza. C’è, inoltre, la richiesta di risolvere la loro vertenza storica procedendo con la stabilizzazione. Mentre a Vibo Valentia un sostanzioso gruppo di lavoratori precari sta manifestando sotto la sede della Prefettura in attesa dell’arrivo del Prefetto con l’obiettivo di ottenere un incontro, allo scopo di esporre la loro posizione e le loro problematiche.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta