CHE FINE HANNO FATTO I SOLDI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI ACCESSI A MARE PER I DISABILI???

CHE FINE HANNO FATTO I SOLDI ASSEGNATI AL NOSTRO COMUNE DALLA REGIONE CALABRIA, TRAMITE IL GAC, A TITOLO DI CONTRIBUTO PER LA REALIZZAZIONE DEGLI ACCESSI A MARE PER I DISABILI??? È ORMAI NECESSSARIO ED IMPROCRASTINABILE CREARE UNA SERIA, LIBERA E CREDIBILE “ALTERNATIVA” POLITICO-AMMINISTRATIVA ALL’ATTUALE MAGGIORANZA CHE MAL GOVERNA CARIATI. QUANDO OLTRE A “BARARE” CON I BILANCI E LE OPERE PUBBLICHE, SI ARRIVA A LEDERE I DIRITTI E LA DIGNITÀ DELLE PERSONE PIÙ DEBOLI E BISOGNOSE, SIGNIFICA CHE SI È SUPERATO OGNI LIMITE E SI È COMINCIATO A “SCAVARE IL FONDO”. – DICHIARAZIONE STAMPA – L’Attuale Dis-Amministrazione Comunale ha avuto come unici risultati, il disastroso peggioramento dei servizi offerti ai cittadini, il deterioramento del decoro urbano e L’ENORME DEFICIT delle finanze comunali. Nel “conto” va inclusa anche l’inspiegabile mancata realizzazione e/o completamento di quelle opere pubbliche, il cui finanziamento si è dileguato nel “mare magnum” dell’indebitamento comunale. Costituisce piccola ma significativa dimostrazione di quanto poc’anzi affermato l’eliminazione, dai capitoli delle voci di entrata e di spesa del Bilancio Preventivo 2015 del nostro Comune, del finanziamento di € 40.000,00 che doveva servire per la realizzazione, nella nostra cittadina, degli accessi al mare per i diversamente disabili. I lavori per la costruzione di tali “Passerelle a mare”, avrebbero dovuto iniziare entro i primissimi mesi del corrente anno ed avrebbero dovuto avere fine entro e non oltre il 31 Ottobre 2015. Alla copertura finanziaria dell’intera somma di progetto, pari ad € 44.276,36, si doveva fare fronte per € 40.000,00 con finanziamento a valere sui Fondi dell’Asse IV P.O. FEP 2007-2013 della Regione Calabria, nell’ambito del GAC – Bormas (Gruppo di Azione Costiera – “i Borghi Marinari della Sibaritide”), da allocare su un apposito conto corrente dedicato e per € 4.276,36 con fondi di bilancio comunale. Tanto è vero che, in data 02 Febbraio 2015, era stata notificata all’Amministrazione Comunale di Cariati, da parte dalla Regione Calabria, la concessione del finanziamento di € 40.000,00, con l’allegata e controfirmata convenzione che fissava i termini e gli obblighi per la realizzazione dell’importante opera pubblica. Con Determina Dirigenziale n. 199 del 20/04/2015, per di più, veniva conferito ad un professionista esterno l’incarico, per un corrispettivo di € 3.549,09, relativo alla redazione del progetto esecutivo, direzione lavori, contabilità, collaudo e coordinamento della sicurezza sui lavori. Successivamente, con Determinazione n. 223 del 08/05/2015, veniva approvato il Progetto Esecutivo dell’opera. Lo scorso 28 Maggio, con Determina n. 247/2015, addirittura, l’Ufficio Tecnico Comunale avviava la manifestazione d’interesse relativa alla procedura negoziata per la fornitura e posa in opera di tali “passerelle a mare”. Perché l’Amministrazione Comunale, che presiede anche il locale GAC, nonostante i tanti proclami, sebbene l’avanzato iter burocratico dell’opera ed a dispetto dell’avvenuta concessione del finanziamento, ha deciso di non costruire più gli accessi al mare per i disabili??? Che fine hanno fatto i soldi che dovevano servire per la realizzazione di questa importantissima opera pubblica??? Questo è uno dei tanti esempi che dimostra l’inciviltà, il menefreghismo e l’incapacità politico-amministrativa che, nel corso di questi anni, ha caratterizzato l’attuale gestione comunale di Cariati. Il Sindaco e l’intera Maggioranza comunale che lo sostiene, almeno in questo ultimo scorcio di consiliatura comincino a darsi una seria regolata. Infatti, quando oltre a “barare” con i bilanci e le opere pubbliche, si arriva a ledere anche la dignità delle persone più deboli e bisognose, significa che si è perso il senso della misura e della vergogna. È necessaria e non più procrastinabile la creazione di un “FRONTE UNICO” in contrapposizione a tale “distorta” mentalità gestionale messa in atto dall’attuale maggioranza comunale. Occorre lavorare sin da subito per una nuova “ALTERNATIVA” politico-amministrativa, che sappia sistemare le cose e che sia in grado di portare avanti gli interessi generali di tutti i cariatesi. Cariati, 15 SETTEMBRE 2015 IL CAPOGRUPPO U.D.C. – Cariati e CONSIGLIERE COMUNALE Dott. Francesco Cosentino

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta