I Pulcini della Folgore Cariati primeggiano nel torneo giovanile nazionale “Abruzzo Cup”

Pulcini della Folgore Cariati 2La settima edizione del torneo calcistico di Pasqua, “Abruzzo Cup”, ha visto la partecipazione di 185 società provenienti da tutta Italia per un totale di circa 3500 bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 14 anni.

Al “Davide Bucci” di San Salvo Marina è stato un tripudio di colori e canti, una festa di sport  genuino: i genitori sugli spalti, le squadre in campo in una coreografia che ha visto quali protagonisti gli sbandieratori di Rocca San Giovanni, le majorettes di Atesse e la banda musicale di Furci, che ha dato il via alla manifestazione con l’inno nazionale accompagnato in coro da tutto lo stadio, dopo il giuramento dell’atleta.

Tra le squadre partecipanti, per la prima volta, la Folgore Cariati con la categoria Pulcini che ha incontrato nella fase di qualificazione le seguenti squadre: S.C. Emanuele Troise (Na), Accademia Pescara e Cupello (Ch). Nelle prime due partite vittorie della Folgore, rispettivamente, per 6-1 (marcatori: Urso(3), Catricalà (1), Falzetta (1), Primocerio (1) ) e per 3-1 (marcatori: Urso (2), Aiello (1) ). Qualificatasi prima nel suo girone, la Folgore ha affrontato in semifinale la Virtus Bracciano, sconfitta ai rigori, dopo una partita combattuta, terminata 0-0. Alla lotteria dei rigori vanno a segno: Urso, Falzetta e Ascione. Vince la Folgore grazie alla parata strepitosa di Cufari, guadagnando così l’accesso alla finale contro il Troise (Na), detentore del titolo 2015, nonchè campione regionale della Gazzetta Cup 2015 e qundi squadra di tutto rispetto.

Pulcini della Folgore Cariati 3Dopo un avvio “folgorante”, la società cariatese si porta sul 2-0 con reti di Catricalà e Urso, ma la stanchezza nelle gambe per l’impossibilità di effettuare cambi, ha concesso agli avversari l’opportunità di portarsi sul 2-2. Così anche la finale viene decisa ai rigori. I Calabresi vanno a segno con Falzetta, Urso e Ascione, ma anche stavolta è la parata di Cufari a regalare la vittoria del torneo alla Folgore.

“Superba la performance di tutti i pulcini”, ha commentato il mister Cristofaro Russo che è solito chiamare i suoi, ciascuno con un nomignolo, per sottolinearne le caratteristiche: Cufari “la saracinesca”, Ascione “il mastino”, Falzetta “la roccia”, Romeo “il muro”, Catricalà “ringhio”, Aiello “Rocchinho”, Urso “la scheggia”, Primocerio “il furetto”. Ottimo risultato, quindi, per la categoria Pulcini della Folgore di Cariati che, dopo una serie di successi a livello regionale, ha primeggiato sul palcoscenico del più grande torneo giovanile nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta