Aggiornamento emergenza maltempo in Calabria

Auto bloccate anche sull’A2 Salerno-Reggio Calabria

Emergenza maltempo Calabria

Forti temporali anche nel Crotonese, in particolar modo tra Strongoli e Cirò Marina. Un torrente, lo Scorsone, è esondato in più punti a San Vito sullo Jonio (Catanzaro), travolgendo alberi, strade, muri e palificazioni delle linee elettriche.

L’acqua ha raggiunto il metro e mezzo di altezza e alcune famiglie sono state evacuate. Evacuazione scattata anche a Monterosso Calabro (Vibo Valentia) per una grossa frana.

Il versante jonico registra allagamenti anche in provincia di Cosenza. Sulla Sila è alto l’allarme per le frane: a San Giovanni in Fiore un blocco di fango e detriti si è staccato e ha colpito la fiancata di un edificio facendo crollare una parete, senza causare però feriti.
Picco dell’emergenza sembra però condensarsi proprio nella zona di Lamezia Terme, dove è anche crollato il ponte delle Grazie, sulla strada provinciale 19, nel comune di Curinga.

Sulla stessa strada un ulteriore smottamento ha interessato due vetture, ma senza causare danni alle persone che erano a bordo. Esondato il torrente Cantagalli e in alcuni quartieri l’acqua ha invaso le case costringendo gli abitanti a rifugiarsi agli ultimi piani. In alcune strade allagate le operazioni di salvataggio sono avvenute con i gommoni.

Auto bloccate anche sull’A2 Salerno-Reggio Calabria, mentre si segnalano smottamenti sulla viabilità locale. La statale 18 tirrenica è stata chiusa all’altezza di Curinga e più a sud a Pizzo, con traffico deviato sull’autostrada.

La statale 106 jonica è stata chiusa, a causa della piena del fiume Neto, all’altezza di Crotone mentre il fango si è riversato sull’asfalto in diversi tratti, anche nel cosentino. Sulla provinciale che collega Oppido e Ferrandino, nel Reggino, dieci auto allagate sono state soccorse dalle squadre dei vigili: tra le persone soccorse anche bambini e una donna incinta, mentre le auto sono state abbandonate in strada.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta