AEROPORTO SIBARI,DIBATTITO AUTOREFERENZIALE. CAPUTO: NON VI SONO DIVISIONI. LA POLITICA PARLI DI MENO E FACCIA DI PIÙ. DICHIARAZIONE On. GIUSEPPE CAPUTO

AEROPORTO SIBARI,DIBATTITO AUTOREFERENZIALE CAPUTO: NON VI SONO DIVISIONI LA POLITICA PARLI DI MENO E FACCIA DI PIÙ DICHIARAZIONE On. GIUSEPPE CAPUTO REGGIO CALABRIA, Martedì 12 Luglio 2011 – La discussione sulla opportunità e sul progetto dell’aeroporto di Sibari sta ormai assumendo, agevolata forse anche dalla calura estiva, i contorni di un cerchio autoreferenziale, all’interno del quale ognuno dice quello che gli pare, a prescindere da contesti precisi e valutazioni complessive. Si assiste, quasi quotidianamente, a balletti di dichiarazioni e – ciò che supera il limite del buon senso – all’attribuzione sistematica, ad altri, di posizioni mai espresse, travisando il senso di ragionamenti più ampi. Chi ha mai sostenuto l’inutilità della quarto aeroporto calabrese a Sibari? Ma, soprattutto, chi ha mai posto in alternativa, con il progetto, che era e resta condiviso, di un aeroporto a Sibari, altri e diversi progetti infrastrutturali, come, ad esempio, quella della metropolitana leggera Sibari-Crotone? Purtroppo, si continua a fare volutamente confusione, ma non si capisce a vantaggio di chi o di cosa. Si finge di non capire e si alimentano divisioni che, nella realtà, non esistono. Non vi sono logiche sotterranee da difendere, né strategie di campanile da tutelare, da parte di questo o di quel consigliere regionale il cui mandato, all’interno di una maggioranza di governo, è certamente quello di farsi interprete degli interessi del territorio, ma è anche quello di condividere strategie e progetti a medio e lungo termine, studiati e messi in atto nell’interesse generale della Regione e non di questo o di quel particolare ambito territoriale. Anche, qui, forse, si fraintende e si preferiscono i voli pindarici o, spesso, prese di posizione individuali che non coincidono, nei fatti, con l’azione di governo portata avanti dall’Esecutivo. Ed è stato lo stesso Presidente della Giunta Regionale SCOPELLITI, in più di una occasione pubblica, ad aver spiegato e motivato la presenza del progetto dell’aeroporto di Sibari nell’agenda politica e di governo della Regione. Lo ha ribadito anche a Cassano allo Ionio, in occasione di un appuntamento pubblico dedicato al PSA. Non si capisce, quindi, per quale ragione si debba continuare ad attribuire altre volontà al Governatore, se non quella di aver chiaramente posto ed evidenziato, semmai, delle priorità cronologiche e di avanzamento di un programma più generale, nel quale assumono carattere di urgenza il miglioramento delle strutture aeroportuali già funzionanti e la messa in sicurezza delle esistenti reti di collegamento. Volere sistematicamente far passare questo metodo e questa strategia di governo, condivisa del resto dalla maggioranza, come un momento di disattenzione o, addirittura, come un incomprensibile scippo rispetto alle attese della Sibaritide, resta un atteggiamento incomprensibile. Per quel che mi riguarda, senza cedere alle sirene di un populismo che non mi ha mai affascinato, ritengo necessario fare appello ad un maggiore senso di responsabilità, da parte di tutti, nell’affrontare le grandi questioni dello sviluppo o, se si preferisce, del mancato sviluppo, non solo infrastrutturale, dei nostri territori, nella consapevolezza che un po’ di pragmatismo e di visione in più, anche nell’interpretare il ruolo di rappresentante di un territorio, non possa che far bene all’affermazione di una Politica che sa rispondere alle esigenze della gente, parlando di meno e facendo di più.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta