Una giornata in ricordo di Gianroberto Casaleggio?

Il senatore Airola e la deputata Di Lauro, del Movimento 5 Stelle, propongono di istituire per il 12 aprile la giornata nazionale in ricordo di Gianroberto Casaleggio che, pace all’anima sua, cinque anni fa, in questa data, lasciò la nostra valle di lacrime.

L’idea è suggestiva e merita approfondimento. Qual è la motivazione che spinge i due parlamentari pentastellati a immaginare per questa giornata bandiere a mezz’asta, corone d’alloro ai piedi di monumenti marmorei e bronzei ed eventualmente anche equestri innalzati a Gianroberto Casaleggio, sfilate di bande, commossi panegirici, eventi commemorativi e minuti di istituzionalizzato silenzio in tutti i luoghi pubblici e/o aperti al pubblico?

Voglio dire: quali patriottici meriti, a parte la creazione della Piattaforma Rousseau e la co-paternità con Beppe Grillo dei famosi “VaffaDay” possono essere ascritti al compianto genitore dell’attuale, contestato, titolare della Piattaforma di cui sopra?

D’accordo, Gianroberto Casaleggio ha fondato un partito – pardon – un movimento. Ma anche don Luigi Sturzo, Alcide De Gasperi, Giuseppe Saragat, Pietro Nenni e Antonio Gramsci hanno fondato dei partiti e il loro contributo alla storia patria – non me ne vogliano il senatore Airola e la deputata Di Lauro- mi risulta sia stato un tantino più incisivo di quello offerto dal compianto Gianroberto Casaleggio. Per non parlare di Cavour, Garibaldi, Vittorio Emanuele II e Mazzini, i quali sono addirittura padri della Patria; ma tuttavia non mi risulta che a qualcuno sia venuto in mente di intitolare non dico una giornata ma almeno un’oretta a questi personaggi della politica nazionale i quali peraltro, se hanno mandato a quel paese qualcuno, non hanno certo utilizzato (se non in privato) il “Vaffa”, la formula – popolare ma pur sempre volgarotta – che sta alla base della nascita ed è il progetto politico di fondo del movimento di cui, oltre che del rampollo ed erede Davide, Gianroberto Casaleggio è padre.

Confesso che, per quanto mi lambicchi il cervello, non riesco a immaginare quali gesta associare alla motivazione di una siffatta commemorazione, se si esclude questa:

12 aprile – giornata dedicata alla memoria di Gianroberto Casaleggio, grazie al quale furono eletti in Parlamento personaggi come il senatore Airola e la deputata Di Lauro. Ad imperitura memoria, affinché nessuno ripeta mai più un sì marchiano errore.

Giuseppe Riccardo Festa

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta