Terremoto nel Pollino, paura in Calabria – Scossa di magnitudo 5 nella notte

(FONTE: Il Messaggero.IT) Una forte scossa di terremoto di magnitudo 5 è stata registrata all’1.05 nella zona del massiccio del Pollino, al confine tra Basilicata e Calabria tra le province di Potenza e Cosenza.Il sisma è stato avvertito fino a Napoli. Alla Sala situazione della Protezione civile, poco prima delle 3, non risultavano segnalazioni di feriti. Verifiche da parte dei Vigili del fuoco sono comunque in corso, specifica il Dipartimento in un comunicato. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6,3 km di profondità ed epicentro in prossimità del comune potentino di Rotonda e di quelli cosentini di Laino Borgo, Laino Castello e Mormanno. Alla prima scossa sono seguite quattro repliche, di magnitudo rispettivamente 2.7, 3.3, 2.1 e 2.5 (l’ultima all’1:35). Secondo quanto riferito dal comandante provinciale dei Carabinieri di Cosenza, il colonnello Francesco Ferace, a Mormanno (Cosenza), ci sono stati dei crolli. Dalle prime verifiche che sono in corso, risultano danni anche alla cattedrale e in numerose abitazioni del centro storico. L’ospedale di Mormanno è stato evacuato interamente. I degenti, 36 in tutto, si trovano al di fuori della struttura e per 14 di loro le autorità locali hanno chiesto la ricollocazione in altri nosocomi. Notte all’aperto anche per gran parte degli abitanti del centro storico. Nell’ospedale ci sono state scene di panico dopo la scossa. I pazienti in grado di muoversi autonomamente sono usciti dall’ospedale per lo spavento. A Mormanno diverse abitazioni del centro storico di presentano lesioni provocate dalla scossa, ma solo nelle prossime ore, hanno riferito i Carabinieri, sarà possibile fare una verifica dell’enità dei danni. Gli abitanti del centro del Pollino sono tutti in strada. Lo spavento è stato tanto e nessuno, al di là dell’agibilità delle case, ha intenzione di trascorrere la notte al chiuso. A Rotonda (Potenza) il centralino dei Vigili del fuoco ha ricevuto tantissime telefonate dall’area del Pollino: tutte di persone spaventate che chiedevano che cosa fare. Molti sono scesi in strada e trascorreranno il resto della notte nelle auto. Per il momento, comunque, non vi sono segnalazioni di persone ferite. Da oltre due anni l’area del Pollino, tra Basilicata e Calabria, è interessata da uno sciame sismico che ha registrato oltre 2.200 scosse. Quella dell’1.05 di oggi, di magnitudo 5, è stata la più forte; oltre 2.000 sono state di magnitudo minore di 2 gradi della scala Richter, quasi 200 di magnitudo tra 2 e 3, sei di magnitudo tra 3 e 4, una di magnitudo pari a 4.3. Nel biennio vi sono stati periodi di attività sismica frequente intervallati da periodi di relativa calma. In particolare, si è verificata un’intensa attività sismica ad aprile 2010 a ottobre 2010 e tra novembre 2011 a febbraio 2012.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta