STAGIONE TEATRALE: SECONDO APPUNTAMENTO

VENERDÍ 19, IL GABBIANO DI CECHOV STAGIONE TEATRALE: SECONDO APPUNTAMENTO DOPO L’APOLLO DI CROTONE TAPPA A CARIATI CARIATI (CS), Mercoledì 17 Febbraio 2010 – Proseguono gli appuntamenti con la stagione teatrale 2010. Dopo l’esordio e il successo della prima con Giobbe COVATTA che ha inaugurato l’avvio teatrale della nuova struttura cittadina, VENERDÍ 19 ALLE ORE 21, andrà in scena “Il Gabbiano” di A. CECHOV diretto da Marco BERNARDI e accompagnato dalla sua compagnia con Carlo SIMONI, Patrizia MILANI e Maurizio DONADONI. “IL GABBIANO”, scritto nel 1895 e rappresentato per la prima volta a San Pietroburgo l’anno successivo, è uno dei 4 capolavori teatrali di CECHOV assieme a “Zio Vanja”, ”Tre sorelle” e “Il Giardino dei Ciliegi”. Il regista BERNARDI ritorna a CECHOV otto anni dopo la fortunata prova de “Il Giardino dei Ciliegi” con la sua compagnia guidata da Carlo SIMONI e Patrizia MILANI affiancati in questa occasione da Maurizio DONADONI e da quattro giovani attori selezionati attraverso centinaia di audizioni in tutta Italia. Amato dal pubblico e dagli uomini di teatro, è forse il suo testo più rappresentato in ogni epoca e in ogni luogo per l’importanza dei temi trattati, per la profondità dell’analisi della condizione umana e per la felicità poetica della storia e dei personaggi. Al centro, i conflitti generazionali nella doppia dimensione genitori/figli e artisti affermati/giovani artisti debuttanti e poi, i ragionamenti appassionati sull’arte, sulla scrittura, sul teatro. Il tutto mescolato con l’amore in tutte le forme e varianti possibili: vissuto, negato e nascosto. Dopo le tappe di questa sera (Mercoledì 17) e domani (Giovedì 18) al Teatro APOLLO di Crotone, l’atteso spettacolo sarà nella cittadina ionica, la cui bella e nuova struttura polivalente, cinematografica teatrale e convegnistica, è divenuta ormai punto di riferimento in tutto il territorio del basso ionio e del crotonese. PER INFORMAZIONI, BIGLIETTI E ABBONAMENTI URP 0983/9402205 – CELL. 366/3169316

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta