Restituite monte antiche al Parco Archeologico di Sibari

Nella stessa occasione, sono stati consegnati monili - bracciali e anelli - e diverse punte di lancia

Parco Archeologico Sibari

Un gruppo di 665 monete, coniate tra il V e il III secolo a.C. e perfettamente conservate e recuperate nel mercato clandestino, è stato restituito lo scorso 15 marzo al Direttore del Parco Archeologico di Sibari dal comandante del Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio culturale di Cosenza.

Tra gli esemplari figurano stateri di Crotone, Caulonia e Taranto, Trioboli di Thurium, nonché monete coniate a Siracusa e Agrigento. 

Nella stessa occasione, sono stati consegnati monili – bracciali e anelli – e diverse punte di lancia. 

L’attività si inserisce nell’ambito del contrasto al mercato clandestino dei beni archeologici venduti tramite piattaforme multimediali, che forniscono agli estimatori un potente strumento per impossessarsi di preziosi reperti sottratti illecitamente alla comunità. 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta