Quel lembo d’amicizia vera!

Un sentimento cui tenevano e che sentivano di dover esplodere in modo forte e deciso

Woman holding a glass of red wine sitting in front of an open fire

Lei beveva un sorso di vino vicino al tavolino e Paolo le faceva, piacevolmente, compagnia. 

Le sue mani erano ben curate ed erano quelle che l’avevano sempre incanto di lei. 

Fu una breve fuga dalla routine quotidiana che in modo complice si erano voluti ritagliare. 

Tra di loro non era assolutamente una storia di amore o di sesso. Di quelle che la società è piena all’inverosimile. 

Entrambi non erano persone scontate. Anzi. Erano alla continua ricerca del particolare. 

Di ciò che fa la differenza in un contesto piatto e monotono. Dove le persone si affannano attorno al nulla. 

“Sono contenta che ci siamo riusciti” disse Roberta, continuando a sorseggiare il suo bicchiere di aglianico. 

“Non mi sembra vero. Eppure ci siamo”, replicò Paolo in modo soddisfatto, anche lui bevendo, altresì, un rosso più forte e compatto.  

Sorrisero. Roberta si appoggiò allo schienale della sedia e in modo rilassato, fu pronta a iniziare a liberarsi dal malcontento, che ormai la tormentava da un po’.

Era serena e tranquilla. Sapeva che Paolo non l’avrebbe mai giudicata, ma solo accompagnata lungo il sentiero più semplice per lei. 

Paolo, allora, si mosse sulla sedia e si sentì lo scricchiolino del legno. Erano lì in alto in una baita di montagna.

Fuori faceva freddo e nevicava. Il cammino era bello, alto e schioppettante. Per loro iniziava così la lunga notte d’amicizia. 

Un sentimento cui tenevano e che sentivano di dover esplodere in modo forte e deciso.  

Fu Paolo a rompere finalmente il ghiaccio. “Sono stato incuriosito dalla tua mail. Perché hai voluto insistere”? 

“Non riesco a farne a meno. Mi serve. So che però posso farmi del male. Ma non voglio fermarmi”, disse in modo serafico Roberta. 

Non si sbagliava, pensò tra se Paolo. C’era da andare avanti. Si sentiva sicuro. Lui stava lì pronto a sostenerla! 

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta