MONITOREREMO TUTTI I SERVIZI

MONITOREREMO TUTTI I SERVIZI ILLUMINAZIONE, RETI FOGNARIA, IDRICA E VIARIA SODDISFATTO GAGLIARDI DOPO ULTIMA ASSEMBLEA SARACENA (CS), Venerdì 2 Aprile 2010 – Un percorso virtuoso per tutti i servizi, dalla pubblica illuminazione, alla rete fognaria, dalla rete viaria a quella rurale ed urbana. Così come fatto con i rifiuti, di cui nei giorni scorsi si è occupata anche RAI TRE Calabria come modello positivo al Sud, la Città del Moscato Passito, guidata dal Mario Albino GAGLIARDI, si avvia a monitorare, telematicamente, tutti i servizi. E’ quanto è emerso nel corso dell’ultima assemblea pubblica cittadina, organizzata dall’Amministrazione Comunale, nella quale – come è felice consuetudine a SARACENA – il Sindaco si è confrontato con i cittadini, illustrando in questa occasione le linee programmatiche del nuovo strumento urbanistico. GAGLIARDI si è soffermato sui nuovi indirizzi degli strumenti urbanistici, destinati a definire le aree di completamento e quelle di sviluppo ed a dotare il territorio di tutti i servizi essenziali, dal polo scolastico a quello sportivo, da quello socio-sanitario a quello culturale-ricreativo. Per il Primo Cittadino, la partecipata assemblea, ospitata nei giorni scorsi nella sala consiliare, è stata anche l’occasione per aggiornare la popolazione sulla speditezza con la quale procedono i lavori di realizzazione dell’Auditorium nel cuore del centro storico saracenaro (Palazzo Mastromarchi). “Lo strumento urbanistico – ha tra l’altro detto GAGLIARDI – mette in atto quella che è l’idea del paese montano e, quindi, del turismo montano, qualche chiave strategica di sviluppo, cui guardiamo e sul quale stiamo investendo. Non cerchiamo un turismo che proviene da risorse esterne. Purtroppo – ha continuato il Sindaco – il nostro territorio è stato devastato negli anni da cattive intuizioni che hanno lasciato soltanto cenere, lacrime e disoccupazione. Oggi non possiamo non puntare su ipotesi di sviluppo eco-sostenibile, intendendo – al di là dell’abuso che spesso si fa di questo termine – l’investimento diretto e concreto sulle risorse ambientali, naturalistiche, paesaggistiche, in una parola, identitarie, del luogo. In questa cornice di finalità – ha concluso GAGLIARDI – la scommessa sul nostro patrimonio montano acquista contorni chiarissimi e pone traguardi ambiziosi ma nient’affatto impossibili, a partire dalla messa in rete, su scala internazionale, del nostro patrimonio montano, al di là e – se è necessario – contro ogni scetticismo, anche autoctono. Alcuni elementi di attrazione, sui quali continuare ad investire agganciandoli alla dote montana, sono sotto i nostri occhi e nelle nostre mani: l’enogastronomia, con l’olio extravergine, il nostro centro storico islamico, il Moscato Passito”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta