K-ART ARTIGIANI, CALABRIA PROTAGONISTA IN TOSCANA

PIETRAPAOLA (CS), Giovedì 29 Novembre 2012 – Arte, natura, mito e storia. La Calabria sarà protagonista in Toscana a Prato con i suoi prodotti e i suoi mestieri. Si tratta dell’evento “K-ART ARTIGIANI: UNA STORIA UN FUTURO”. Una 3 giorni di degustazioni, dimostrazioni, mestieri, incontri e seminari. L’obiettivo è fare avvicinare i cittadini all’artigianato tradizionale. Tra i presenti, anche il maestro artigiano del ferro battuto Francesco TALLARICO di Pietrapaola. L’apertura della manifestazione, è prevista domani VENERDÍ 30 alle 16.30 e si chiuderà DOMENICA 2 DICEMBRE. L’evento sarà tenuto nella suggestiva cornice del chiostro quattrocentesco della chiesa di San Francesco a Prato. A comunicarlo è Giandomenico VENTURA già sindaco di Pietrapaola. L’adesione all’evento, organizzato dalla Confartigianato di Prato, non è nuova, infatti, per VENTURA che già nei panni di amministratore aveva aderito alla kermesse. Oggi, invece, partecipa come imprenditore del territorio, in particolare modo come rappresentate delle tipicità enogastronomiche. Tante le aziende del basso jonio presenti. Dall’eccellenza calabrese e mondiale la liquirizia della Fabbrica AMARELLI di Rossano ai vini LIBRANDI di Cirò Marina; dai formaggi di latte e bufala dell’azienda agricola FAVELLA di Corigliano al pesce sott’olio IRPA2 di Rossano; dall’olio AGRICARLI di Pietrapola ai salumi tipici calabresi di MONTAGNA di Rossano; dai formaggi tipici calabresi dell’azienda FONSI di Paludi al miele dell’apicoltura GIGLIOTTI di Calopezzati. Una una sessantina le aziende coinvolte per undici stand di espositori e numerose iniziative tra cui la dimostrazione della battitura a caldo del ferro, un antico mestiere artigiano, eseguita dal mastro scultore Francesco TALLARICO di Pietrapaola e del maestro fabbro Domenico MADERA. L’ingresso alla kermesse è gratuita mentre per le degustazioni è previsto un contributo di 5 euro di cui, un euro andrà in beneficenza all’Emporio della Solidarietà e alla fondazione “Ami”, entrambi di Prato.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta