ISTITUZIONE GIORNATA CALENDARIO LILIANO

Istituzione della giornata regionale del calendario in momeria di Aloysius Lilius da Cirò. Dopo l’ok della Regione, arriva anche l’atteso responso positivo del Consiglio dei Ministri. La Giornata del Calendario è fissata per il 21 MARZO di ogni anno. Soddisfatti il Sindaco CARUSO ed il Vicesindaco PALETTA: l’impegno profuso in questi anni investendo in cultura, continua a produrre i suoi frutti. La nostra comunità ne è orgogliosa. La squadra amministrativa si sta preparando e attrezzando in vista di GIOVEDÌ 21 MARZO, ufficialmente primo giorno di festa, per condividere con il territorio e la regione una giornata culturale interamente dedicata al matematico cirotano Luigi LILIO il cui contributo storico è noto in tutto il mondo. Da un convegno con la presenza di numerosi ospiti ad una rappresentazione teatrale che riprodurrà le scene della celebre Tavola di Biccherna. Un intenso momento culturale, per un grande personaggio calabrese, che ha rivoluzionato la storia del Tempo grazie ad una piccola imperfezione di calcolo, modificando definitivamente il vecchio calendario Giuliano. L’attuale calendario, quello Gregoriano, fu introdotto nel 1582 per volontà del Papa Gregorio XIII. È un momento importante – dichiara il sindaco Mario CARUSO – non solo per la nostra comunità, ma per tutta la Regione Calabria. Questo risultato ci gratifica. Abbiamo lavorato tanto per arrivare a questa vittoria. Ottenere anche il via libera da parte del Consiglio dei Ministri è una conferma che condividiamo con felicità. La scoperta di Lilio – continua – è bene dell’umanità, e come tale va ricordata e fatta conoscere anzitutto ai calabresi. È indispensabile – precisa il vicesindaco Francesco PALETTA – che tutti diano il proprio contributo, anche soltanto in termini di consapevolezza. Per troppi secoli queste pagine di storia sono state dimenticate e messe da parte. Oggi più che mai – chiosa – dobbiamo riprenderci la nostra memoria e colmare un vuoto, convincendoci che attraverso la nostra storia e sulla cultura possiamo costruire lo sviluppo sostenibile e durevole dei prossimi anni.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta