INTELLIGENCE, IL MASTER DELL’UNIVERSITA’ DELLA CALABRIA SI OCCUPA DEI TEMI DI PREOCCUPAZIONE UNIVERSALE: MAFIE E TERRORISMO ISLAMICO.

Il Master in Intelligence dell’Università della Calabria, il primo in Italia ad essere attivato su questo tema in un ateneo pubblico italiano, prosegue le lezioni affrontando i temi di preoccupazione universale come la criminalità organizzata e il terrorismo islamico. Sabato 9 aprile alle 8.30 nell’Aula “Caldora” dell’ateneo calabrese, interverrà l’economista e saggista Loretta Napoleoni, che affronterà il tema della globalizzazione delle mafie e del terrorismo islamico.

Loretta Napoleoni ha collaborato e collabora con governi e media di tutto il mondo. Seguirà nel pomeriggio l’intervento di Enzo Cotroneo, esperto di diritto islamico. Sabato 16 aprile è prevista la lezione del direttore di “Limes” Lucio Caracciolo e il sabato successivo 23 aprile quelli del giudice Nicola Gratteri e del Coordinatore del Laboratorio Calabrese del Mediterraneo Islamico dell’Università della Calabria Alberto Ventura.

L’intelligence – ha commentato il Direttore del Master Mario Caligiuri – è uno strumento decisivo, al servizio delle élite pubbliche, per contrastare in modo efficace le minacce più incombenti per la democrazia nel XXI secolo: il fondamentalismo islamico e la criminalità organizzata”. “Affrontare questo argomento e contestualizzarlo nel tempo che viviamo – ha proseguito – significa fare comprendere il significato autentico dell’intelligence che significa la raccolta, l’analisi e l’utilizzo delle informazioni non solo per prevenire eventi e fenomeni devastanti come mafie e terrorismo ma anche per poter comprendere e assecondare le tendenze positive di crescita e di sviluppo“.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta