Il Commissario Prefettizio, Dott. Antonio Reppucci, chiude oggi il suo incarico al Comune di Cariati.

fILOMENA gRECO RITORNA AL SUO POSTO DI LAVORO

Se dovessi individuare un’esteriorità del Commissario Prefettizio del Comune di Cariati non avrei alcun imbarazzo nella scelta.

Vicinanza e attaccamento al Paese sono stati sin da subito sentimenti forti che hanno contraddistinto ogni legame e circostanza che l’ex Prefetto di Cosenza ha stabilito a partire dal più semplice dei cittadini.

Molto spesso un Commissario Prefettizio, una volta chiamato al governo di un Comune, inevitabilmente è portato ad ergere una barriera invalicabile con la cittadinanza, la classe politica locale e le forze economiche e sociali espressione del territorio.

Da questo punto di vista il dr. Antonio Reppucci è stato una piacevole sorpresa. Un’anomalia al contrario. Registrando tanti attestati di simpatia e affetto.

La sua disponibilità e collaborazione non hanno avuto eguali. Anche durante il periodo di convalescenza, che lo stesso ha dovuto rispettare per motivi di forza maggiore, non si è mai sottratto al contatto con i cittadini.

Alle diverse e variegate sollecitazioni legate, quasi sempre, a problematiche semplici e/o complicate.

Cariati lo ricorderà, peraltro, per la spinta che ha impresso a una serie di significative progettualità, affinchè non si bloccassero.

L’intento è stato, altresì, quello di riconsegnare ai futuri rappresentanti un’amministrazione “viva” e assolutamente non “dormiente”.

Solo un uomo con un alto e consolidato senso dello Stato, quanto il Prefetto Reppucci, avrebbe potuto assolvere con autorevolezza e autonomia al suo mandato, avendo a cuore le sorti della comunità cariatese.

Reppucci si è mostrato orgoglioso del suo impegno, condotto nell’interesse generale.

Il direttore di cariatiNet.it e l’intera redazione non possono che riservare al dr.Antonio Reppucci un caloroso plauso e un presto arrivederci, come ci ha promesso nella sua intervista, come turista in visita alla nostra amata Cariati.

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta