Il cambiamento a Cariati non é dietro l’angolo

Mi fa piacere cogliere il clima positivo e cordiale che avvolge i tre candidati e il rispetto reciproco che si mostrano gli uni verso gli altri.

Urna elettorale

A macchia di leopardo ho avuto modo, direttamente e attraverso gli strumenti informatici, di ascoltare gli interventi di presentazione dei tre candidati alla poltrona di Sindaco. Di sicuro, mi farò nelle prossime settimane un’idea più precisa di ciò che intendono realizzare, Cosentino, Greco e Scorpiniti, per Cariati, una volta eletti alla prossima tornata delle amministrative, previste ad inizio giugno.

Mi fa piacere cogliere il clima positivo e cordiale che avvolge i tre candidati e il rispetto reciproco che si mostrano gli uni verso gli altri. Speriamo che altrettanto lo faranno in seguito i candidati alla carica di Consiglieri nelle liste di sostegno.

Naturalmente preziosi saranno i programmi elettorali che mi auspico, quanto prima, di leggere, per denotare le differenze e i diversi indirizzi che si vorranno dare gli stessi alle progettualità necessarie per il rilancio del Paese.

Il cambiamento, tuttavia, non è dietro l’angolo. Ne conosco a fondo le difficoltà, i tempi spesso esasperanti. Occorrerà, a seconda dei casi, compiere un passo dietro e in avanti, quando sarà necessario, per avviarsi su un cammino ascendente.

Tutto potrà realizzarsi solo sapendo dove e come andare, serbando bene a mente gli obiettivi da raggiungere e studiando via via le strade da intraprendere. Quindi non fa mai male – e ciò lo insegna la storia – cercare di scrutare il futuro, rendersi conto delle opportunità e potenzialità, e dei problemi che attende chi sarà eletto più avanti, per ammaestrare il presente.

Cosa significa tutto questo? E’ presto detto.

Da cariatese acquisito mi attendo da parte dei tre candidati meno autoreferenzialitá e più capacità d’ascolto della comunità. In più, ipotizzare progetti che possono contare su regole e basi certe. Nessun volo pindarico, ma restare con i piedi a terra, perché ritengo che l’epilogo delle prossime elezioni politiche, segnerà l’ultima occasione possibile per costruire una Cariati nuova e diversa.

Dobbiamo, quindi, procedere magari in via sperimentale, per esemplificazioni successive, quando si affrontano argomenti fondamentali. Con più studio, più riflessione, più lungimiranza, più energia nell’affrontare i diversi dossier.

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta