I medici calabresi in partenza per Lampedusa

Per curare i figli di migranti che arrivano dai “barconi della morte”

Barconi rifugiati

Alcuni medici calabresi sono in partenza per Lampedusa per curare i figli di migranti che arrivano dai “barconi della morte”.

I sanitari rimarranno 8 giorni con un turno lavorativo di 12 ore al giorno.

La missione è a carico del Servizio sanitario regionale della Calabria e prevede, oltre al supporto professionale di medici e infermieri specializzati, anche quello di presidi terapeutici messi a disposizione da varie aziende locali.

Il Presidente della Giunta regionale della Calabria ha commentato: “Si tratta di una nuova pagina di solidarietà che la nostra terra scrive. Un’ulteriore esempio di come la Calabria si ponga rispetto ad un fenomeno che è destinato a crescere e con cui tutti dobbiamo fare i conti senza dimenticare cultura e civiltà come, invece, parlando di migranti, spesso accade”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta