CALCIO: il cariati porta a casa un punto, ma e’ sempre in vetta.

Casali Presilani 0 – Cariati 0 Casali Presilani : Manes 7, Ferro 6,5, Rovito 6,5, Del Campo 6,5, Barca 6,5, De Luca 6, Fuscaldo 6, ( 88’ Rota s.v.), Spizzirri 6, (69’Pezzi 6), Papara 6, Scarcello 6, Pupo 6. All: Sidoti Cariati : Straface 6, Fazio 6, Torchia 6 (70’ Blaconà 6), De Giacomo 6,5, Graziano 7, Scarpello 6,5, Filareti 6 (60’Ioele 6,5) Ferrentino 6, Apicella 6, Brillante 7,5, Campana 7. All: Filareti Arbitro : Stella di Cosenza 5 Note: Espulsi Apicella e l’allenatore Filareti Determinata, compatta ed aggressiva la compagine del Casali Presilani esce indenne e con un prezioso punto dal confronto con la blasonata capolista Cariati, conseguendo, così, un prezioso punto, il quarto in quattro giorni, che spinge il collettivo di casa verso lontano dalla zona play out. La compagine di mister Sidoti ha retto dignitosamente il confronto contro la capolista Cariati che deve fare autocritica per un atteggiamento specchioso, in special modo per quanto concerne la prima parte della gara, che non rientra nei parametri di una corazzata che vuole vincere il campionato di prima categoria. L’undici del presidente Sabatino Tosto ha perso, così, una ghiotta occasione per aumentare il suo vantaggio sulle due dirette concorrenti che, al momento, risulta di quattro punti sull’Olympic Acri e di cinque sulla compagine del Marina Schiavonea. Il primo tempo della partita è stato disputato alla camomilla, pochissime occasioni da una parte e dall’altra con i portieri Manes e Straface che hanno recitato il ruolo di spettatori non paganti. Nella ripresa il Cariati cambia atteggiamento e cerca, riuscendoci, di avanzare maggiormente il proprio baricentro, sfiorando il gol in diverse occasioni e solo l’imprecisione e la precipitazione dei propri attaccanti hanno vanificato il forcing attuato per l’intera ripresa. Il mancato successo della capolista è da addebitare anche ad una direzione arbitrale, a dir poco, sconcertante! Il signor Stella di Cosenza ha inanellato una serie negativa di valutazioni, compreso l’espulsione del capocannoniere del campionato Raffaele Apicella nonché del tecnico Filareti senza fondate motivazioni. Alla giornata negativa del direttore di gara che, nella disputa tra le due contendenti, si è eretto a mero protagonista in negativo, infarcendo la sua direzione di errori macroscopici, falsando, così, l’andamento della partita. Non è mancato persino l’annullamento di una rete regolare siglata dal centrocampista Giuseppe Brillante, il migliore dei 22 calciatori scesi sul terreno di gioco di Pedace. In sintesi, primo tempo alla camomilla: poche occasioni da una parte e dall’altra, unico sussulto arriva dal Cariati con Apicella che con un’improvvisa girata dal limite dell’area del Casali colpisce la base del palo sinistro. Nella ripresa si è assistito ad un forcing del Cariati che ha avanzato maggiormente il proprio baricentro. Nell’ultima mezz’ora finale della gara due episodi che potevano mutare il risultato: un colpo di testa del centrale difensivo Ivano Graziano che lambisce la traversa della porta ed una rete regolare siglata da Giuseppe Brillante inspiegabilmente annullata dal direttore di gara per un presunto fuorigioco. Un pareggio alquanto amaro per i fans della capolista! “Non siamo affatto contenti, puntualizza il massimo dirigente del Cariati Calcio, Sabatino Tosto, per come è stata diretta la gara, ma preferisco non dire altro sulla conduzione! Nella ripresa i ragazzi hanno dato sfogo a tutte le loro energie, è mancato solo il risultato che non ha premiato gli sforzi dell’intero collettivo che ha tentato il tutto per tutto per incamerare l’intera posta. Comunque, prendo atto dell’attaccamento dei ragazzi ai colori sociali e sono certo che domenica prossima si rifaranno con i dovuti interessi. La squadra sta rendendo bene e sta portando in alto l’onore di Cariati sportiva”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta