CALCIO: GLI ALLIEVI DEL CARIATI PERDONO LA PRIMA PARTITA, MA ANCORA NULLA E’ PERDUTO.

ASD Athena 3 – Cariati 1 Marcatori : 20’ Paparo, 61’ Grassodonia, 64’ Cacciatore e al 78’ Alba ASD Athena : Sarcuto 7, Mazza 7, Maglio 7, Rotulo 8, Grassodonia 7, Campione 7, Zarusso 7, Contino 7 (50’n Cacciatore 7,6), Fallara 7,5 (83’ Di Giorgio s.v.), Alba 8, Sicurella 7. All: Privitera Cariati: Bruno 7, Santoro 6, Franco 6,5, Sicignano 6, Ioele 6,5, Frontera 6,5, Paparo 7,5, Russo 7, Grillo 6,5, Pirito 6, Renzelli 6,5. All: Marino Michele Arbitro : Pernino di Palermo 7 Il trofeo di campione interregionale comincia alquanto male per gli allievi del Cariati Calcio, che, al termine dei novanta minuti di gioco, subiscono una preoccupante sconfitta in terra siciliana, ad Agrigento. Un primo tempo a favore del Cariati Calcio che ha sciorinato momenti di bel gioco, legittimo dalla stupenda rete dell’incontenibile e funambolico Paparo, che ha fatto letteralmente impazzire i difensori locali. Nella ripresa la compagine del presidente Sabatino Tosto subisce la reiterata reazione della squadra di casa capovolgendo il risultato, regalando così ai propri fan e alla società una gran bella soddisfazione. Un primo tempo da incorniciare quello offerto dal Cariati Calcio, che passano in vantaggio al 20’ con un gol capolavoro dell’estroso tornante Paparo. Nella ripresa un netto calo dei ragazzi dell’emergente tecnico Michele Marino, permette ai ragazzi siciliani di capovolgere il risultato, confermando tutto il loro potenziale ed evidenziando buona impostazione di gioco, ripartenze rapidissime e soprattutto freschezza atletica. Una formazione quella dell’Athena di Agrigento che il tecnico Privitera ha messo in campo con un 4 4 2 dinamico, propositivo e cinico, nel quale ognuno sa bene cosa fare. Particolarmente l’Athena di Agrigento nella ripresa non ha mai sprecato una palla, bene il suo pressing ed ottima la fase di ripartenze. Il Cariati Calcio, nonostante il KO non esce affatto ridimensionato dalla partita, ha pagato ad avviso di alcuni tecnici presenti, la superficialità con la quale è scesa in campo nella ripresa. Il Cariati pur perdendo ha evidenziato un tasso tecnico non indifferente; a nostro avviso ha pagato la supponenza con la quale è sceso in campo: comunque i ragazzi del tecnico Marino sono decisi a riscattarsi giorno 24 maggio su proprio terreno affrontando il collettivo della compagine campione della Basilicata. Un sconfitta che brucia sì ma che “non muta, puntualizza il fattivo presidente del Cariati Calcio, Sabatino Tosto, il nostro modo di guardare in avanti, dobbiamo restare sereni ed archiviare questa sconfitta, pensando di rivalerci nel prossimo incontro del triangolare che ci vedrà affrontare sul nostro terreno di gioco i campioni regionale allievi della Basilicata. Nulla è ancora perduto”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta