VENERDÌ PROSSIMO LA GIORNATA DEL MALATO A CRISTO RE Un appuntamento che si ripete.

VENERDÌ PROSSIMO LA GIORNATA DEL MALATO A CRISTO RE Un appuntamento che si ripete. Anche quest’anno la parrocchia “Cristo Re” di Cariati Marina si prepara a celebrare la Giornata mondiale del Malato, in collaborazione con le associazioni che operano in campo sanitario, i volontari e gli operatori della Caritas Parrocchiale, l’UNITALSI, la Protezione Civile. La messa con gli ammalati dell’11 febbraio prossimo sarà celebrata alle ore 17.30 dal parroco don Mosè Cariati, ma l’accoglienza in chiesa è fissata alle 16.30, per dare il tempo ai volontari di prelevare i malati dalle loro abitazioni con l’ambulanza messa a disposizione dal Comune di Cariati, ufficio Protezione Civile. Nel corso della cerimonia, si procederà all’unzione con l’olio santo del conforto e della consolazione che rigenera a vita “nuova”; questo Sacramento consente talvolta, se Dio lo vuole, anche il recupero della salute fisica. La celebrazione, per la parrocchia di Cariati, è solo un momento di un percorso di accompagnamento che pone il malato al centro della comunità cristiana, in contrasto con la visione attuale dell’uomo ridotto, con la malattia, ad un “peso” inutile. Un’attenzione continua, dunque, rivolta anche a chi non può più uscire di casa, con la visita settimanale dei ministri straordinari dell’Eucarestia, e ai degenti dell’ospedale “Cosentino”, a fianco dei volontari dell’AVO (Associazione Volontari Ospedalieri). “Rapportarsi con il complesso mondo della sofferenza – ha affermato don Mosè Cariati – è una sfida che ci porta a creare una rete di relazioni con i malati e i loro familiari, consapevoli, come ha affermato recentemente il Papa in occasione della Giornata della Vita, che l’ammalato non è un corpo, ma una persona”. E la persona ha bisogno anche dell’assistenza spirituale continua, per cui ogni domenica, chi lo desidera, potrà partecipare alla messa aiutato dai volontari che useranno l’ambulanza per gli spostamenti e il montascale elettrico per il superamento delle barriere architettoniche.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta