Una tradizione calabrese ormai scomparsa.

Il maiale è stato per secoli la dispensa dei calabresi e non solo

Il maiale è stato per secoli la dispensa dei calabresi e non solo: la sua macellazione, rigorosamente fatta in casa sino ad una trentina di anni fa, era un rito antico al quale partecipava tutta la famiglia.
Una festa, forse cruenta, che ha segnato e scandito la vita di un’intera regione.
Quasi tutti avevano il porcile, il “zimmunu” (dal tedesco “zimmer”, stanza) ove ricoveravano ed allevavano il maiale con gli avanzi di cibo pasturati con la “caniglia”, la crusca.
maiale 8I “zimmuni”, vere e proprie porcilaie, erano concentrati per lo più in grotte scavate nel tufo e comunque fuori dal centro abitato: una volta al giorno, generalmente nel primo pomeriggio, era una processione interminabile di donne con in testa l’ondeggiante secchio della “vrurata” da svuotare nella “scifella” (una sorta di contenitore ad angolo fra due lati del “zimmunu” e rialzato per non far traboccare la brodaglia) ove si avventava, voracissimo, il porco, con gran soddisfazione del proprietario che lo vedeva ingrassare giorno dopo giorno e già pregustava salsicce, soppressate, prosciutti e tutto il ben di Dio che dall’animale si ricava.
Quando il maiale superava il quintale, generalmente fra dicembre e febbraio, ci
si preparava all’uccisione della bestia, anche perché il freddo dell’inverno era l’ideale per la conservazione della carne e la stagionatura dei salumi.
Prima della data stabilita si cominciava ad “ammolare” i coltelli e a preparare la “mailla” (madia).
maiale 7La mattina dell’uccisione le donne si svegliavano che era ancora buio per preparare un enorme pentolone di acqua bollente che sarebbe servita successivamente per radere le setole del porco.
Alle prime luci dell’alba, gli uomini prelevavano il maiale preceduto da qualcuno con un secchio di ghiande rumoreggianti allo scopo di farsi seguire docilmente dal maiale, affamato ma riottoso (a bella posta non gli si dava da mangiare nelle ore precedenti l’uccisione per favorire lo svuotamento delle budella), il quale probabilmente intuiva la sorte che gli sarebbe toccata da lì a poco.
maiale 2L’uomo che avrebbe poi scannato la bestia preparava un nodo scorsoio con una corda, quindi si avvicinava all’animale e, con molta abilità, ne agganciava l’incisivo facendo due o tre giri attorno al muso per impedirgli di mordere.
Altri afferravano il suino, tenendolo saldamente e scaraventandolo su una grossa panca.
I più pavidi, invece, avevano il compito di stringere la coda: operazione inutile, tanto che ancora oggi, se si affida a qualcuno una mansione simbolica, senza alcuna responsabilità, si dice che “tiene la coda al porcello”.
Il carnefice, munito di un coltellaccio lungo ed affilato (“u scannaturu”), tranciava di netto la giugulare del porco che si dimenava lanciando grugniti altissimi e spaventosi rimbombanti in tutto il paese.
Fra i bambini eccitati c’era anche chi, più sensibile, si nascondeva, tappandosi le orecchie per non udire quegli strepiti disperati.maiale 5
Il sangue, che zampillava copioso dalla gola del porco, colando in una pentola era rigirato continuamente con un mestolo di legno per evitare che coagulasse. Esso, infatti, sarebbe stato poi l’ingrediente principale del sanguinaccio, una dolcissima crema da spalmare sul pane, di cui i bimbi di un tempo erano ghiottissimi.
Dopo una lenta agonia il povero animale esalava l’ultimo respiro ed allora ci si preparava a raschiare la cotenna.
Quando anche questa operazione era terminata, il “macellaio” incideva la pelle delle zampe posteriori facendone fuoriuscire i tendini nei quali veniva infilato un attrezzo di legno a forma di triangolo senza base sicché, con l’aiuto di una carrucola, o più semplicemente a forza di braccia, l’animale, per essere squartato, veniva issato ed appeso ad un gancio che spuntava dal soffitto.
A questo punto aveva inizio un’operazione complessa e delicata nella quale emergeva tutta la perizia del “macellaio”.
maiale 9Per prima cosa estraeva l’apparato genitale dell’animale, che veniva usato poi dai falegnami per ungere le seghe, quindi tagliava la testa.
Poi passava, delicatamente, ad aprire il ventre dal quale cavava la vescica, subito affidata ad uno degli aiutanti perché, dopo averla svuotata, la lavasse accuratamente e, con l’aiuto di una cannuccia, la gonfiasse.
La vescica, nei giorni successivi, era riempita con lo strutto ancora caldo e liquido che, dopo qualche giorno, solidificava.
Dunque, con molta attenzione, onde evitare di forare le budella, toglieva tutto l’apparato digerente, il colon e l’ intestino tenue.
Tutto finiva in una bacinella e per le donne cominciava un lavoro lungo, fastidioso e delicato per lavare decine e decine di metri di intestini che, rivoltati, erano collocati in una grande pentola piena di acqua fredda assieme a limoni ed arance.
Era la volta di polmoni, fegato e cuore e la carcassa, svuotata completamente delle interiora e tagliata in due parti, le “menzine”, nel senso della lunghezza, veniva sganciata.
maiale 6Ora, finalmente, gli uomini potevano riposare, mentre per le donne aveva inizio un vero e proprio tour de force.
Per prima cosa affettavano un pezzo di fegato e lo avvolgevano nel peritoneo (“picchjiu”) che, con qualche pezzo di carne tagliato dal collo della bestia, finiva sulla griglia per servire da colazione agli uomini che avevano lavorato così duramente e che ora non disdegnavano un po’ di arrosto ed un paio di bicchieri di vino.
Poi si preparava un sontuoso pasto a base di maccheroni al sugo, ovviamente di maiale.
Dopo la frolla della carne, il giorno successivo si provvedeva al sezionamento, operazione affatto semplice che richiedeva perizia ed esperienza, ed allo sminuzzamento delle parti.
maiale 4Nella prima metà del secolo, almeno dalle nostre parti, non erano ancora diffuse le macchinette trita carne per cui la polpa di salsicce e soppressate era tagliuzzata a mano fino a ridurla a dadini.
Si trattava, ovviamente, di un lavoro massacrante che impegnava le donne per un paio di giorni. Una volta preparata la pasta col sale e le spezie, iniziava la lunga e fastidiosa operazione dell’insaccaggio.

ELOGIO DEL PORCO
L’ingratitudine umana non ha confini. Del porco usiamo la carne come cibo e il nome come insulto. Porco indica odio e disprezzo verso una persona ed è anche simbolo dei vizi umani, principalmente la lussuria. Porco è la persona di costumi disonesti, volgari. Porco è sinonimo di avido, ingordo e Dante chiama “brutti porci” gli abitanti del Casentino (una valle della provincia di Arezzo).
Porco e sporco sono sinonimi. “Sudicio come un porco” indica il massimo della sporcizia. Perché il porco non si lava, è ovvio; a differenza del gatto che con la lingua si lecca ed ammorbidisce il pelo meglio del Perlana. Ma nemmeno si lava la gallina, e la più pregiata è quella ruspante che banchetta sul letamaio, anzi banchettava, perché adesso non esistono più né il letamaio né la ruspante. Eppure la gallina non viene indicata come un’incorreggibile nemica dell’igiene. Perché ce l’abbiamo tanto col porco?
Se pensiamo all’uso totale che facciamo della sua carne (salame, salsiccia, soppressata, prosciutto, pancetta, lardo); se consideriamo i molteplici prodotti derivati dalle sue parti non commestibili (spazzole, pennelli, colle, concimi, selle), al maiale noi dovremmo erigere un monumento. Il porco è come la musica di Verdi, non c’è nulla da buttar via, dicono quelli di Parma, gente di orecchio e palato fino. E l’onorano al pari di una divinità. Ed infatti il porco veniva sacrificato alla dea dell’agricoltura Maia, donde il nome maiale. Quando diamo del maiale ad un avversario, dovrebbe ringraziarci: gli stiamo prospettando l’Olimpo.
Si dice: porco Giuda, ma il porco non ha mai tradito nessuno e, soprattutto, non ha mai baciato nessuno, e nessuno si farebbe baciare da lui.
Si dice: porca l’oca, offendendo due bestie in un colpo solo.
Col piede di porco associamo arbitrariamente alle imprese ladresche l’onesto suino, animale totalmente privo del senso del denaro che disprezza oro e gioielli, infatti il Vangelo di Matteo esorta: “Non gettate le perle ai porci, perché non le calpestino”.
Ma il maiale è entrato anche nel lessico politico dei giorni nostri: la disgraziata legge elettorale di cui tutti parlano si chiama “porcellum”, ed a battezzarla così fu addirittura il suo autore (il dentista della Lega, Calderoli) che, come certi genitori incerti della propria paternità, la rinnegò definendola “una porcata”.
Bestia esemplare, il porco ha acquisito benemerenze insigni, ma non si dà arie. Chissà come si pavoneggerebbe, nei suoi panni, il pavone. Durante le guerre impedì a molta gente di morire di tessera annonaria. Quando abbiamo bisogno del suo aiuto, se non può darci una mano ci dà sempre una zampa. Anzi uno zampone. Quando i veneziani trafugarono dall’Egitto il corpo dell’evangelista Marco, lo nascosero sotto i quarti d’un maiale, sapendo che i gendarmi musulmani si sarebbero rifiutati di toccare quella carne, vietata dalla loro religione. Se andiamo un po’ più indietro nei secoli, scopriamo che fu una scrofa a indicare ad Enea, arrivato dal mare, il luogo dove, secondo i fati, doveva sorgere Roma.
Nonostante questi quarti (è la parola) di nobiltà, continuiamo a pronunciarne il nome con un misto di schifo e di disprezzo. E se un amante litiga con l’amata, l’oltraggio più rovente è il nome della femmina del porco, che è anche quello della guerra cantata da Omero e vinta dai greci, grazie al famoso cavallo di.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta