Tridico: spero che non sia vero!

Una scelta che ha fatto infuriare un pò tutti

Gentile Professore Tridico, Carissimo Pasquale,

mi permetto di darTi del Tu per via del fatto che siamo legati con particolare affetto alla stessa area del basso ionio cosentino, dove per giunta ci siamo incrociati anche qualche volta negli scorsi anni durante la bella stagione. 

Parliamo di un territorio che Ti ha dato i natali, di preciso lo splendido Comune di Scala Coeli, che in effetti domina in parte dall’alto la bella e ridente Cariati, Comune nel quale con vivo piacere trascorro da moltissimi anni lunghi periodi di vacanza e che confina a est con Scala Coeli.

Abbiamo per l’appunto anche delle ottime amicizie in comune. Negli anni passati ci siamo, peraltro, incrociati a Cariati, servendoci della stessa edicola e, quindi, nutrendo l’identica passione per i quotidiani. 

Ti confesso che non voglio credere a ciò che sto leggendo in queste ultime ore online, circa il fatto che sembra che Ti sia aumentato lo stipendio anche con effetto retroattivo. 

Mi dispiacerebbe che la qualcosa risultasse vera, perché considero fuori luogo la decisone di raddoppiarsi lo stipendio, addirittura con effetto retroattivo.

Una maggiorazione di 50mila euro che farebbe schizzare lo stipendio di Presidente dell’INPS a 150mila euro l’anno, circa il 50 per cento in più di quanto percepiva il Tuo predecessore, Tito Boeri. 

Una scelta che ha fatto infuriare un pò tutti, oltre all’intero arco partitico che non aspettava altro e che ora invoca a gran voce, avendo ragione, l’abbandono dell’incarico. 

Per fortuna leggo che la direzione centrale delle risorse umane dell’INPS con una nota odierna sostiene di: “non aver corrisposto al presidente Tridico compensi arretrati, in seguito all’emanazione del decreto del 7 agosto 2020 e, in ogni caso, gli Uffici dell’Istituto non hanno mai previsto l’erogazione di un compenso arretrato al Presidente per il periodo che va da maggio 2019 al 15 aprile 2020″.

A mio modesto parere la vicenda è sconcertante, ma resto fiducioso che è una fake news e che di conseguenza presto smentirai la notizia. Al contrario, la circostanza, in piena sincerità, rappresenterebbe per chi scrive una grande e forte delusione. 

Nell’auspicio di raccogliere nelle prossime ore una Tua giusta smentita, Ti auguro una buona a serata. 

ps: è un’altra storia, invece, se fosse giusto o meno che un manager pubblico con molte responsabilità in testa, prenda uno stipendio piuttosto irrisorio, tipo 50euro l’anno, ma questo ripeto è un’altra cosa. 

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta