Sull’estate cariatese, che volge malinconamente al termine, registriamo due interviste di turisti che frequentano la cittadina da trent’anni.

”Vengo da molti anni, precisa il dirigente scolastico Pietro Gonella di Putignano, a trascorrere le vacanze a Cariati, attratto dal mare, dal sole e dalla spiaggia, tre volte Bandiera Blù. La qualità della mia vacanza quest’anno è peggiorata a causa dei fattori ambientali: montagne di spazzatura hanno riempito di sgradevole odore l’intero paese; cartacce, ingombranti di ogni genere, ratti ed insetti di ogni specie ovunque hanno dato il marchio di paese sporco. A tale sensazione, prosegue il dirigente Pietro Gonella, hanno contribuito anche le strade non lavate e l’acquedotto inquinato, che nel mese di luglio ha fatto letteralmente scappare via molte famiglie. La spiaggia l’abbiamo trovata come il mare d’inverno ed alcuni incivili ce l’hanno consegnata. Insieme a tanti altri villeggianti e residenti ho dovuto tassarmi per spianare e pulire rl tratto di spiaggia ed i vialoni che portavano all’arenile dei centri turistici dello Sporting, Taiti, CORALLO E TRENINO: Le serate; poi; nonostante la buona volontà di qualche associazione è stata sempre un pianto; addirittura sono stati chiusi; per sequestro giudiziario; i due migliori locali della cittadina; sembra per carenza del piano spiaggia: Tutto questo; conclude il dirigente scolastico Pietro Gonella; avrà senz’altro una spiegazione; ma questo al turista; che compie centinaia di kilometri per venire a Cariati; non interessa e ne trae le inevitabili conclusioni!!!!”. Critico ma pacato e soprattutto incline alla speranza il giudizio dell’ex sindaco di Piana di Monteverna (Caserta): ”Sarebbe molto facile criticare l ‘Amministrazione Comunale; sostiene Felice Santabarbara; affermando che vi è stato un arretramento generale nei servizi con la raccolta saltuaria dei rifiuti solidi urbani; con la mancata pulizia delle strade; con la scarsa o mancanza assoluta di pubblica illuminazione; con un abbandono totale dell’ arenile; con l’assenza di polizia locale a rappresentare la legalità dei luoghi; con la non organizzazione di spettacoli turistici e culturali in special modo in piazza Friozzi; nel Centro Storico; con il mancato controllo delle acque attraverso la depurazione: Io, ospite della citta da circa 30 anni, puntualizza Felice Santabarbara, proprietario di un immobile, ho constatato che è assente una politica generale per il turismo, intesa ad invogliare i vacanzieri a trattenersi nella cittadina per una stagione balneare da aprile ad ottobre. Al di là delle critiche mosse in merito alla gestione della cosa pubblica si auspica, conclude Felice Santabarbara, un vero e proprio rinnovamento della politica di gestione turistica del territorio, in quanto fonte di benessere economico generale”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta