RUSSO SI INSEDIA TRA I BANCHI DELLA PROVINCIA

Il Sindaco di Crosia: Oggi è stata ripristinata la legalità in Consiglio Provinciale

Il Sindaco di Crosia Antonio Russo, subentra al Consigliere Lucisano in seno al Consiglio Provinciale di Cosenza. A un anno di distanza dalla data in cui si sarebbe dovuta effettuare la surroga del Consigliere, decaduto per legge proprio lo scorso 17 novembre 2015, con il subentrante legittimo Russo, è stata ripristinata la legalità.  

 

Queste le dichiarazioni del neoconsigliere provinciale Russo, nel momento del suo insediamento, nel corso dell’Assise di stamani (giovedì 17 novembre 2016), tra i banchi del gruppo misto che egli stesso ha costituito.

 

Torno con piacere, dopo anni in Consiglio Provinciale – ha detto Russo –  assemblea di cui ho fatto già parte durante la legislatura ‘95/99, in rappresentanza del mio territorio. Ci tengo a ringraziare il Presidente, l’ufficio di Presidenza e il Segretario, perché con questo atto di surroga hanno finalmente ripristinato la legalità all’interno del Consiglio provinciale di Cosenza. Non voglio assolutamente entrare in polemica ma nel corso di quest’anno non mi è stato consentito di poter subentrare ad un consigliere di fatto decaduto, come previsto dalla legge, non certamente dallo Statuto né da me. Oggi questa surroga viene effettuata e va riconosciuto questo merito all’attuale presidente. Ricordo anche che c’è stato in questo lungo periodo una controversia per la quale ho avuto la solidarietà non solo dei consiglieri del Comune che rappresento, ma anche di molti colleghi Sindaci del territorio della Sibaritide. I quali, qualche mese fa hanno inviato al Prefetto di Cosenza una richiesta nella quale si chiedeva che venisse effettuata la surroga. Pertanto – ho concluso il Sindaco di Crosia -cercherò, in questo piccolo scorcio di fine legislatura di ottemperare ai miei doveri e di svolgere la carica di Consigliere Provinciale con il massimo impegno, anche a nome dei colleghi del territorio che ho il piacere di rappresentare.

2 allegati

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta