RIFIUTI,REQUISITA DISCARICA BIECO

ROSSANO (Cs) Mercoledì, 30 Gennaio 2013 – Rifiuti, requisita la discarica di Bucita di proprietà della BIECO srl. Non vi sono altre soluzioni per affrontare e risolvere in concreto l’ormai esplosa crisi igienico-sanitaria, persistente in Città da oltre due mesi. Se gli organi preposti a risolvere la questione, in primis il Commissario straordinario per il superamento dell’emergenza in Calabria, non dimostrano il necessario coraggio e la capacità di assolvere agli incarichi per i quali sono lautamente pagati, allora che tolgano il disturbo e lascino ai Comuni il compito di risolvere i problemi che attanagliano le comunità. Rossano e l’Area Urbana non sono più disposte a subire inefficienze e disservizi intollerabili. Adesso la crisi ambientale la risolviamo noi. Da domani a Bucita conferisce solo ROSSANO. – È quanto afferma ed annuncia il Sindaco Giuseppe ANTONIOTTI che stamani (MERCOLEDÌ, 30 GENNAIO), dopo aver ricevuto la comunicazione di BIECO srl sulla disponibilità a ricevere poco più di 300 TONNELLATE di rsu nell’impianto privato cittadino, ha emesso immediatamente un’ordinanza mirata ad adottare misure straordinarie ed urgenti per garantire l’igiene ambientale nel nostro territorio. Persistendo il blocco imposto alla discarica di Pianopoli e scaduto il termine per il conferimento nella discarica di Cassano – dichiara ANTONIOTTI – ogni eventuale ed ipotetica altra ordinanza emessa dal Commissario riguardante Bucita è di fatto perfettamente inutile. Come purtroppo constatato – aggiunge – sono soltanto Rossano e Corigliano a subire, di fatto, una criticità costante nella raccolta. E ciò, soprattutto per Rossano, è assurdo se si considera che come città sede di impianto ha ospitato tutta la Calabria per anni. Con la chiusura della discarica consortile rimasta per tre anni a servizio di tutti in Calabria – prosegue il Sindaco – siamo adesso costretti a subire al danno la beffa, aggravata dalle continue e scriteriate ordinanze del Commissario Speranza. Rossano risulta infatti esclusa, di fatto, dagli effetti delle soluzioni indicate ed adottate, invece, per tutti gli altri comuni del territorio. Nei territori limitrofi, fino a ieri, si è potuto infatti intervenire per togliere i rifiuti dalle strade abbancando a Cassano, mentre Rossano e Corigliano restano da mesi con i rifiuti per strada ovunque. CIÒ È ASSURDO ED INACCETTABILE. Per non parlare del danno che si sta arrecando all’ecosistema, a causa del percolato rilasciato nei terreni con le piogge e della diossina prodotta dai frequenti roghi. Una condizione igienico-sanitaria disperata e certificata dagli organi sanitari. Una vergogna ed un paradosso che va stoppato nell’immediato. Pur capendo – continua – le esigenze dei colleghi annuncio quindi che, a partire da domani, GIOVEDÌ 31, inizierà l’operazione pulizia in tutto il territorio urbano. Considerato che nel perimetro comunale abbiamo la disponibilità a poter abbancare in una discarica privata che ci consente di smaltire tutti i rifiuti accumulatisi in questi due mesi, ho ordinato la requisizione della stessa per motivi igienico-sanitari. NELLA DISCARICA BIECO CONFERIRÀ SOLO ED ESCLUSIVAMENTE ROSSANO, non avendo potuto putroppo includere nell’ordinanza, per difetto di competenza, anche Corigliano, così come avevo auspicato. Da domattina – chiosa ANTONIOTTI – sarò personalmente con la fascia sul posto per accertarmi direttamente dell’esecuzione dell’ordinanza. Il provvedimento, emesso stamani e notificato, tra gli altri, al Prefetto di Cosenza, al Commissario, ai presidente della Giunta regionale e della Provincia di Cosenza, a tutte forze dell’ordine operanti sul territorio, all’ASP e alle società Ecologia oggi e BIECO ordina a quest’ultima di autorizzare il conferimento degli scarti nella quantità di 320 tonnellate nella propria discarica a BUCITA provenienti DAL SOLO COMUNE DI ROSSANO e preventivamente lavorati presso l’impianto consortile. Fermo restando la validità della precedente ordinanza che vieta la sosta su tutto il territorio comunale di compattatori e camion rifiuti.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta