PROVINCIA, ASSESSORATI CONGELATI E RI-NOMINE ECCELLENTI

PROVINCIA, ASSESSORATI CONGELATI E RI-NOMINE ECCELLENTI L’OPPOSIZIONE: ESECUTIVO OLIVERIO DEBOLE INCOMPETENZA AMMINISTRATIVA ED INADEGUATEZZA AL POTERE COSENZA, Mercoledì 20 Ottobre 2010 – Assessorati congelati e ri-nomine eccellenti. Ecco l’Esecutivo OLIVERIO: indefinito e sempre più debole. Dall’Agricoltura all’Ambiente, dai Servizi Sociali alla Salute. L’intera provincia privata di punti di riferimento. E quel che è più grave: nei settori più importanti. Chi intende candidarsi alle regionali deve dimettersi, contestualmente, dal proprio incarico istituzionale. È quanto sosteneva il Presidente OLIVERIO, al momento dell’insediamento, enunciando le linee programmatiche. E così è stato: si sono candidati e quindi dimessi Mimmo BEVACQUA e Ferdinando AIELLO. Il caso strano, l’anomalia, è che subito dopo le elezioni, BEVACQUA, risultato tra i non eletti alle regionali, è stato ri-chiamato ad occupare un posto in Giunta dallo stesso Presidente OLIVERIO. La delega all’Ambente di AIELLO, invece, trascorsi ormai oltre sette mesi, non è, ancora, stata data a nessuno, né, tantomeno, è stato nominato un assessore in sostituzione. Nel frattempo si è dimessa anche l’Assessore ai Servizi Sociali Marilena MATTA. E anche qui, siamo in presenza di una poltrona vuota: non è stato nominato alcun sostituto. Per non parlare dell’Assessorato spettante ad Italia dei Valori. Congelato anche quello sin dal giorno delle elezioni. Allo stato attuale, quindi, rimangono scoperti, in pratica, gli assessorati più importanti quali Agricoltura, Ambiente, Servizi sociali, Salute ecc.. Tale situazione dimostra – qualora ve ne fosse ancora bisogno – che OLIVERIO è in difficoltà, di fronte alla propria maggioranza, nella scelta degli elementi dei propri Assessori. A distanza di poco più di un anno dalle elezioni l’Esecutivo OLIVERIO si mostra già indebolito e sfilacciato. In poche parole, incompetente dal punto di vista amministrativo ed inadeguato al potere.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta