Nel pomeriggio di domani seduta calda per la trattazione del Piano di Riequilibrio Pluriennale – Pre Dissesto.

Nel pomeriggio di domani, 21 ottobre, si dovrebbe riunire il Consiglio comunale di Cariati, salvo ulteriori imprevisti dell’ultima ora. Il condizionale è d’obbligo visto che sono andate deserte le sedute consiliari del 5, 8 e 16 ottobre, convocate dal Presidente del Consiglio comunale Cataldo Minò. Diverse e pesanti le accuse che si sono susseguite tra maggioranza e minoranza a causa delle convocazioni non espletate. La seduta di prima convocazione del 16 ottobre è andata deserta e, secondo il Presidente del Consiglio comunale Cataldo Minò, la colpa è da iscrivere ai consiglieri della minoranza. Questa controbatte che, così come evidenziano i numeri, gli otto consiglieri di maggioranza erano più che sufficienti a rendere valide le sedute di prima convocazione. Una maggioranza compatta, sostengono i consiglieri di opposizione Filomena Greco, Francesco Cosentino, Mario Sero e Tommaso Critelli, così come eletta dalle urne elettorali, cioè otto consiglieri su dodici, oltre al primo cittadino, è in grado di espletare le sedute consiliari già in prima convocazione. Se ciò non avviene la conclusione è una sola: quella maggioranza, otto consiglieri su dodici, attualmente non esiste più. I rappresentanti della minoranza rivolgendosi direttamente alla maggioranza confutano: Perché addossare la colpa sui rappresentanti della minoranza? Sono polemiche, sostengono molti opinionisti politici, che non servono a nulla. In assenza di problematiche serie e vitali si ricorre con superficiale facilità ad attestazioni che non stanno né in cielo né in terra, né d’altronde migliorano le disastrate condizioni economiche della cittadina. Nella giornata di domani 21 ottobre, dunque, il consiglio Comunale si dovrà pronunciare in merito al Piano di Riequilibrio Pluriennale Pre Dissesto, sulla scorta, accusano i consiglieri dell’opposizione, anche del parere del Revisore dei Conti, che può calzare per la situazione di ben altro Comune, non certamente per quello del Comune di Cariati. Il punto focale dell’Assise di domani è certamente la trattazione del Piano di Riequilibrio Finanziario Pluriennale. Il dibattito su tale problematica e sulla quale è puntata l’attenzione di molti politici del vasto territorio cariatese, sarà abbondantemente vivace, per non asserire proprio “calda“, viste le contrastanti determinazioni tra maggioranza e minoranza.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta