MIGRANTI, NO A TRATTA DELLE SCHIAVE

SANTORO DENUNCIA: DA BOCCHIGLIERO ALLA SS106? SERVONO MAGGIORI ED ADEGUATI CONTROLLI

Giuseppe SANTORO, Sindaco di Bocchigliero 16-06-2016NO ad una tratta delle schiave del sesso, per via di un sistema, quello dell’accoglienza dei migranti, che non prevede controlli più attenti e severi. Arrivano a bordo di taxi, caricano le donne e le conducono sulla SS 106, per farle prostituire. 21 richiedenti asilo a rischio. È emergenza. Tutelare l’immagine della comunità e la dignità di queste persone.

 

È quanto denuncia Giuseppe SANTORO, Sindaco di Bocchigliero, nel cui territorio ha sede il Centro di Accoglienza Straordinario (C.A.S.) gestito dalla Cooperativa Crisalide Rossa.

 

L’Amministrazione Comunale – dichiara il Primo Cittadino – mediante il giusto e necessario coinvolgimento delle istituzioni preposte, procederà ad attivare con urgenza e risolutezza tutti gli strumenti disponibili e le misure necessarie atte ad invertire l’attuale stato delle cose.

 

SANTORO la cui censura è stata supportata anche dal Garante per l’infanzia e l’adolescenza Antonio MARZIALE, segnalerà questi episodi al Prefetto di Cosenza Gianfranco TOMAO in occasione dell’incontro di domani, venerdì 17.

 

I CAS – continua il Sindaco – per la loro peculiarità di gestire in emergenza l’accoglienza possono generarefenomeni di solitudine, abbandono, condizioni di vita indecenti, abusi, violenze, sfruttamento e tratta delle donne con il risultato di non garantire nessuna speranza per il futuro dell’accolto e del territorio di accoglienza. Non esistono purtroppo – aggiunge – norme legislative tali da consentire di poter bloccare una situazione di presunta tratta. Nonostante le segnalazioni e i sopralluoghi compiuti dall’Amministrazione Comunale e dalle autorità militari, la situazione non è cambiata e si è registrato un continuo allontanamento delle donne. Sebbene le persone ospitate nella struttura CAS siano donne adulte e libere di circolare secondo la legge italiana, emerge un quadro preoccupante e indicativo di un fenomeno reale di tratta a fini di sfruttamento sessuale, piaga che affligge da anni il territorio costiero limitrofo pur non riguardando specificatamente il Comune di Bocchigliero. Siamo per l’accoglienza integrata – conclude – promossa dallo SPRAR (Sistema di protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) che si concretizza nell’erogazione di servizi qualificati e che oltre a fornire vitto e alloggio, prevedono larealizzazione di attività di accompagnamento sociale finalizzate alla conoscenza del territorio ed all’effettiva inclusione sociale. – (Fonte: MONTESANTO SAS – Comunicazione & Lobbying)

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta