MERCATO ITTICO,IMPEGNATI A TERMINARE OPERA

CARIATI (Cs), Martedì 20 Marzo 2012 – Differenziata e mercato ittico, l’intento dell’opposizione è quello di distrarre l’opinione pubblica dalla realtà. La verità è che resta forte ed evidente la capacità dell’Esecutivo SERO di riuscire ad ottenere e reperire fondi extrabilancio per lo sviluppo sostenibile della Città. MERCATO ITTICO. – L’ufficio interessato sta proseguendo l’iter previsto, in ossequio alla sentenza del Tar. L’Amministrazione Comunale – dichiara il Primo Cittadino – è impegnata, per suo conto, a mettere in campo ogni azione utile affinché l’opera possa essere completata nei tempi dettati dalla Regione. Ciò che sorprende è che mentre ieri, la scelta del responsabile dell’area era stata indicata dall’opposizione come un “inciucio”, sollecitando le solite polemiche strumentali, oggi, gli stessi moralizzatori attribuiscono la colpa agli amministratori, i quali, al contrario, si muovevano e continuano a muoversi esclusivamente sul piano politico. Il merito del reperimento dei fondi per il completamento di questa opera va ascritto solo ed esclusivamente a questa amministrazione comunale. RACCOLTA DIFFERENZIATA. – È il raggruppamento dei comuni interessati – dichiara il sindaco SERO – che ha ritenuto che le condizioni fossero eccessivamente gravose per firmare la convenzione. Non il comune di Cariati, capofila del progetto! La questione, piuttosto, lascia trasparire almeno due aspetti, dal nostro punto di vista, maggiormente rilevanti rispetto alle solite polemiche sollevate: 1) la reiterata capacità di questa amministrazione comunale di reperire fondi extra-bilancio; 2) una sempre più attenta sinergia con le istituzioni del territorio. Il Comune di Cariati – come già precisato dall’assessore all’ambiente Sergio SALVATI – ha approvato la convenzione nel 2010, ha più volte sollecitato i sindaci a determinarsi in merito e ha più volte invitato i comuni a riunioni ed incontri sul tema.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta