Maturità 2016. Samuele: “Vi parlo dei Negramaro”.

giulianino-BIO_0Oggi ritorno a parlare di maturità ed, ancora una volta, mi sono lasciata ispirare dal web, dai giovani, dalla loro creatività; in questo caso specifico, dall’arte e dalla musica. Sì, perché se c’è una cosa che letteralmente ci salva da quelli che sono i nostri piccoli pensieri quotidiani è proprio la musica, le storie che vengono raccontate, la sensazione di piacevole estraneità che provoca quando sei sommerso dai pensieri e dalle paranoie.

Oggi vi racconto la storia del giovane Samuele D’Alessano, studente iscritto al Liceo Scientifico Tecnologico “Vincenzo Lilla” di Oria, in provincia di Brindisi, che lo scorso 4 luglio ha sostenuto il suo colloquio orale di maturità presentando una tesina interamente dedicata ai Negramaro, il celebre gruppo pop rock nato nel 2011 e capeggiato dall’inimitabile Giuliano Sangiorgi. Al dì la della mia passione per questo gruppo, che emerge chiaramente in questo pezzo, è assolutamente necessario ricordare brevemente di chi stiamo parlando, di quali magnifiche canzoni abbia scritto Sangiorgi, di quante generazioni stia facendo sognare. Giuliano, autore di Le parole che non ti ho detto, scritto nel 2004 per il grande Andrea Bocelli; le sue videoclip portano la firma dei più grandi registi italiani quali Silvio Muccino, Carlo Verdone, Giovanni Veronesi e tanti tanti altri.

Samuele ha deciso di segnare così uno dei giorni più importanti della sua vita, quello in cui chiudi definitivamente con la vita da liceale e inizi a far capolino in quella da adulti; una tesina, la sua, segnata da una grande originalità e passione, curata in ogni minimo dettaglio. Per ogni materia d’esame, Samuele ha legato una canzone dei Negramaro e il risultato finale è assolutamente meraviglioso, riprendendo le parole di una celebre canzone di questa band.

Tutto inizia dalla letteratura italiana legata a Mentre tutto scorre con L’Eterno divenire di Luigi Pirandello, prosegue poi con Fisica associata ai celebri Tre Minuti di Giuliano e con Quel matto sono io, canzone utilizzata per il suo colloquio di Informatica in cui Samuele fa riferimento al grande Steve Jobs da lui stesso definito un folle geniale. La Rivoluzione sta arrivando, titolo dell’ultimo album di Sangiorgi, è la canzone scelta per l’esame di Storia che verteva sulla nascita e l’evoluzione dei partiti, seguita da Filosofia con Via le Mani dagli Occhi associata alla filosofia di Schopenhauer e al Velo di Maya. Conclude, Samuele, con Scienze che porta il nome di una della canzoni che amo di più ovvero Cade la pioggia ed, infine, la lingua Inglese accompagnata da Londra Brucia. Samuele ha, infine, concluso la sua esposizione orale, facendo ascoltare alla commissione qualche nota di Immenso.

E, come in tutte le imprese più belle, c’è stato anche un lieto fine inaspettato: Samuele, infatti, dopo la fine del colloquio ha postato la sua tesina, che potete vedere anche qui, sulla pagina Facebook di Giuliano accompagnata da un tenero messaggio: “Qualunque sia l’esito degli orali, è stato un piacere parlare di voi!” e la risposta di Sangiorgi non si è fatta certo attendere, affermando: “Grazie a Samuele e a tutti i ragazzi che, come lui, amano così tanto le nostre canzoni portandoci con loro anche agli esami di maturità. E’ un onore accompagnarvi nel vostro cammino culturale e di vita; la musica raggiunge posti davvero incredibili! Grazie. G”.

Samuele, penso che tu abbia realizzato il sogno di tantissimi giovani italiani ma, soprattutto, hai dato prova di come l’amore e la passione per qualcosa possa trasformarsi in una valida soluzione in momenti importanti e per nulla semplici, come affrontare un esame di maturità. Hai dato prova che si può affrontare lo studio e l’impegno in mille modi, che le responsabilità a diciotto anni devono essere colorate di leggerezza, che le passioni devono essere coltivate indipendentemente da ciò che diventeremo in futuro. A te, alla tua creatività e perseveranza, vanno i miei personali auguri e complimenti, per aver segnato uno dei giorni più importanti della tua vita con la firma del grande  Giuliano Sangiorgi.

Elisa Agazio

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta