Luigi de Magistris: la forza da outsider!

Personalmente, già l’ho scritto, mi incuriosisce la sfida di Luigi De Magistris in Calabria

Nemmeno la crisi di Governo ha fermato la corsa di Luigi de Magistris alla presidenza della Regione Calabria. 

Qualcuno pensava che il possibile rischio delle elezioni anticipate, e il contestuale  sogno di uno scranno in Parlamento, l’avrebbero fermato.  

Al contrario, con il trascorrere dei giorni appare sempre più chiaro il percorso che il Sindaco di Napoli intende intraprendere per centrare il suo obiettivo calabrese.

L’ex PM della Procura di Catanzaro vuole imprimere da subito al suo progetto una forte impronta civica. 

Mentre il tradizionale arco partitico ancora non ha deciso cosa fare, in termini di schieramenti e candidati, de Magistris non molla la presa. 

Queste sono le premesse. Solo nelle prossime settimane si comprenderanno le alleanze che andranno a rafforzare la candidatura in Calabria del Primo cittadino napoletano. 

Certo all’uomo de Magistris non manca il coraggio e la voglia di fare per un territorio che conosce, e che merita, senza dubbio una guida stabile e duratura. 

Il percorso è in salita, quanto lo sono già state le sue tre precedenti sfide politiche, sempre vinte, al Parlamento europeo e al vertice del Comune di Napoli. 

Personalmente, già l’ho scritto, mi incuriosisce la sfida di Luigi De Magistris in Calabria, ancora di più perché non sarà, quasi sicuramente, affiancato dai partiti tradizionali.

Spetterà allora ai calabresi crederci dando forza ed energia a un progetto politico che dovrà per forza di cose avere i calabresi come protagonisti attivi. 

È uno sforzo che i calabresi dovranno mettere in conto. Le loro voci dal basso, soprattutto dissonanti e che sono state fatte spesso tacere, dovranno prendere consapevolezza e consistenza della sfida. 

Forse oggi è il momento di cambiare. Staremo a vedere. Non c’è da illudersi. Ora o mai più si potrebbe dire. Battersi, allora, per le speranze dei calabresi non sarà cosa facile. 

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta