L. TRENTO: Attivare campagna di screening su popolazione studentesca

Il capogruppo consiliare di Cariati Unita Leonardo Trento, ha chiesto a mezzo PEC al sindaco di Cariati di attivare una campagna di screening sulla popolazione studentesca delle scuole elementari e medie, da finanziare con risorse del bilancio comunale, in modo da poter consentire una ripresa delle attività scolastiche in totale sicurezza, consentendo il rientro a scuola solo con tampone che abbia dato esito negativo.

Tale richiesta, scaturisce dalla presenza nel nostro comune di moltissimi casi COVID ancora attivi e dalla necessità di frenare al più presto la crescita dei contagi.

Come ormai noto, la scuola può rappresentare, in tale clima di incertezza, un ulteriore strumento di propagazione del virus, con conseguente aumento esponenziale dei contagi su tutto il territorio comunale ed è, quindi, obbligo delle istituzioni impedire che tutto ciò possa accadere e che, quindi, il prossimo 24 gennaio si attivino tutti gli strumenti idonei per poter ritornare a scuola nella più totale sicurezza possibile.

Molti altri comuni stanno finanziando campagne di screening per gli studenti delle scuole dell’obbligo, tese a verificare, attraverso un’analisi su vasta scala della popolazione studentesca, la reale situazione del contagio da Sars-Cov-2 nelle comunità oltre che a rendere il più sicuro possibile la ripresa delle attività scolastiche.

Secondo una recentissima ricerca del campus di Cremona dell’Università Cattolica le lezioni a distanza (DAD) hanno avuto e continuano ad avere conseguenze negative sulla voglia di studiare, umore e socializzazione da parte degli studenti.

Pertanto, proponiamo al comune di Cariati di valutare concretamente la possibilità di avviare e finanziare tale screening che consentirà di riavviare le attività scolastiche nella più totale sicurezza e bloccare la diffusione del COVID nella nostra comunità.

Gruppo Consiliare Cariati Unita

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta