Il concorso “Balconi Fioriti”

Si potrebbe pensare di limitare il progetto solo ad alcune zone del Paese, per poi nel tempo diffonderlo a più ampio raggio

balcone fiorito

Se c’è un tema di grande significato che, la prossima Amministrazione comunale di Cariati, deve far suo e alimentarlo, questo è rappresentato dalla valorizzazione della propria identità cittadina, unitamente al rilancio del senso di comunità.

Per realizzare ciò sono necessari degli strumenti tecnologici, ma anche di carattere pratico.

Ieri abbiamo lanciato l’idea del progetto del Wi – Fi gratuito da circoscrivere in alcune aree del perimetro cittadino.

Oggi abbiamo pensato a un concorso attraverso il quale coinvolgere il mondo della scuola e delle famiglie.

L’iniziativa è quella del “balcone fiorito”.

Inizialmente si potrebbe pensare di limitare il progetto solo ad alcune zone del Paese, per poi nel tempo diffonderlo a più ampio raggio.

Anche i bambini, quindi, attraverso l’attività di sensibilizzazione nelle scuole, dovranno diventare i protagonisti del concorso “Balconi fioriti” indetto dall’Amministrazione comunale con un apposito regolamento.

Vanno individuati alcuni operatori locali partner dell’iniziativa che devono affiancare il Comune, nell’illustrare le finalità e modalità di partecipazione al concorso.

Ciascun bambino, ad esempio, potrà riceverà del materiale illustrativo relativo al bando comunale e una piantina con un fiore, quale simbolo di concreto invito alla partecipazione al concorso.

Si possono pensare anche ad alcune attività di animazione per bambini e le loro famiglie su come si allestiscono i balconi con i fiori, suggerendo combinazioni di colori e piante.

Infine, potranno essere premiate anche le più belle foto in tema, che saranno utilizzate per individuare i balconi, terrazze o particolari abitativi esterni da premiare.

Sono tante le iniziative promosse dal basso che possono svilupparsi in un contesto che merita l’attenzione di tutti, a partire dai diretti protagonisti che sono i cittadini.

Nicola Campoli

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta