COSENTINO: CARIATI HA BISOGNO DI COLLABORAZIONE E AMORE

QUESTA SERA CONCLUSIONE IN FESTA PER LA SCELTA

CARIATI ha bisogno di progetti, di contenuti, di capacità e di equilibrio. Ma soprattutto, oggi più che mai, ha bisogno di serenità, di rispetto reciproco, di collaborazione e di amore. Il prossimo Primo Cittadino non potrà non essere il Sindaco di tutti, di quanti lo hanno votato e di quanti avranno fatto scelte diverse. Senza collaborazione e senza autentica pace sociale, praticata nei fatti e non soltanto invocata in modo subliminale sui poster, questa nostra comunità non ripartirà mai ed in nessuna direzione.

 

È stato, questo, il leit motiv dell’intervento di conclusione della campagna elettorale nella cittadella fortificata medioevale, a Cariati superiore, di Alfonso COSENTINO, candidato a sindaco del Progetto Democratico LA SCELTA. Insieme a lui, in una gremita Piazza Plebiscito, di fronte alla Cattedrale di San Michele Arcangelo, sono intervenuti anche i candidati consiglieri e Leonardo TRENTO.

 

OGGI VENERDÌ 3 GIUGNO CHIUSURA CAMPAGNA ELETTORALE ALLA MARINA – Si inizia alle ORE 19. – SPAZIO AGLI ARTISTI LOCALI. Si esibiranno Teresa LABONIA e Amerigo OLIVITO, Cataldo GRASSO e Dionigi SANTORO.Alfonso COSENTNO e la Squadra de LA SCELTA interverranno a VIA BARI, dalle ORE 20 alle ORE 22. – Si esibiranno, a seguire, I CENTONOVE TRIBUTO A RINO GAETANO, il gruppo KEEP CALM Balla Taranta e Luca VIRAGO, cantante e imitatore di vari artisti della musica italiana. L’intero evento sarà presentato da Sina SCIGLIANO.

 

Riferendosi alle affermazioni fatte nell’ultimo comizio de L’ALTERNATIVA, COSENTINO ha parlato di peggiore pagina per la storia politica e sociale di Cariati. Sono state urlate – ha detto – ingiurie, offese, calunnie, minacce ed una incontenibile, assurda e pericolosissima istigazione diretta all’odio personale e sociale della quale ci scusiamo noi rispetto ai cariatesi e rispetto a quanti hanno avuto il dispiacere di ascoltarle direttamente. Non è possibile immaginare – ha proseguito il candidato del Progetto Democratico LA SCELTA – alcuna concessione di fiducia, di nessun tipo, neppure la gestione di un condominio, nei confronti di quanti dimostrano tanta innaturale incapacità di equilibrio, di buon senso, di rispetto delle dignità altrui e dell’iniziativa privata, così come di senso dello Stato, delle istituzioni e della giustizia. Ieri – ha concluso – nel comizio de L’ALTERNATIVA è stato raggiunto il fondo, in termini di volgarità e di irresponsabile violenza verbale contro quanti, come noi, dovrebbero essere ritenuti soltanto dei legittimi concorrenti con cui confrontarsi su programmi, idee e progetti di sviluppo della città.

 

E di programmi e progetti ha continuato a parlare COSENTINO, illustrando altre due iniziative definite simboliche dell’idea di rilancio dell’immagine e dell’appeal turistico e ricettivo della cittadella fortificata sul mare: 1) la Torre degli Innamorati, una kissing zone ispirata alla storia di Laura e il Sultano, sul torrione della Valle da riqualificare, quello che tra gli otto affacciati sullo jonio rappresenta – ha detto – il vero e proprio orecchio del centro storico sul borgo marinaro e su tutta la città; 2) il ricostruzione del Ponte Levatoio all’ingresso di Cariati e che dà su Corso XX Settembre, come segno tangibile e attrattore della forza, dell’apertura e della bellezza della cittadella medioevale da rigenerare, con la sua cinta muraria intatta e da riqualificare e rendere tutta fruibile.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta