Cariati, centro storico: ho sfidato il coprifuoco!

creare fiducia tra i cariatesi per cambiare la loro percezione collettiva sul valore del centro storico è un progetto politico culturale

Dormire nell’incantevole centro storico di Cariati, piccolo comune del basso ionio cosentino, per chi mi conosce: è sempre stato il mio sogno segreto. Più volte l’ho manifestato, ma mai mi era capitata l’occasione per vedere realizzato il mio desiderio. 

Purtroppo un inaspettato imprevisto nella mia casetta sulla marina, mi ha fatto cogliere per un veloce soggiorno la graditissima opportunità. Respirare la serenità che infonde la monumentale cinta muraria, che avvolge l’ottimo stato in cui versa il borgo antico che sovrasta Cariati, perla del mare ionio, è una emozione unica e impareggiabile. 

Non mi sbagliavo per niente. Passeggiare di sera tardi lungo le stradine che caratterizzano il piccolo borgo – mi scuso per non aver  rispettato il coprifuoco fissato per le ore 22.00 – non ha eguali a chi piace, come al sottoscritto, ribaltare nel tempo passato ciò che vede e osserva.

Mi sono imbattuto in un luogo da sogno che mi ha riportata con la mente a periodi lontani, a tempi che stimolano la fantasia. Lungo le stradine, piccole piazze, cortili appartati si è fermata letteralmente per sempre la ricca storia di Cariati. Non desideravo assolutamente altro, che perdermi tra micro vie e viste suggestive e panoramiche. 

Assaporare lentamente, nel pieno del silenzio, profumi e odori che mi hanno regalato stupore per la prima volta, ma di sicuro anche se dovessi tornare altre mille. Forse i pochissimi cariatesi che ci vivono abitualmente non ci faranno più caso. Normale. Al contrario, invece, posso testimoniare, che trascorrere una notte: è davvero qualcosa di unico che consiglio per vivere una notte magica. 

È di vitale importanza per un rilancio turistico di Cariati mettere al centro la gestione organica e coordinata del suo centro storico, assegnando al modello una valenza strategica per l’attrattivitá turistica, funzionale alla crescita socio economico e culturale del paese. 

Infine, creare fiducia tra i cariatesi per cambiare la loro percezione collettiva sul valore del centro storico è un progetto politico culturale che deve alimentarsi di processi partecipativi. Solo così si possono raccogliere idee e soluzioni, nonché puntare a una promozione del luogo. Del resto rendere orgogliosi i cariatesi di partecipare allo sviluppo futuro della propria comunità rappresenta di gran lunga un elemento di valore e di orgoglio che favorisce, ripeto, l’attrattivitá di Cariati. 

In ultimo un sincero e particolare grazie lo riservo all’amico Aldo Fortino che mi ha reso possibile questo sogno grazie alla impareggiabile disponibilità e squisita accoglienza, in una delle sue suggestive e  affascinanti strutture ricettive nel centro storico: La Valle Suite. 

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta